Toscana. Prosegue la protesta degli operai forestali. Presidio domani in piazza Duomo a Firenze

Firenze, 20 giugno 2016 - “Ancora nessuna risposta su tavolo di confronto, fondi, lavoro a rischio”, così Cgil-Cisl-Uil Toscana di categoria sulla portesta degli operai forestali, ed annunciano uno sciopero per il 1° di luglio. Il posto di lavoro e la tutela dell'ambiente restano a rischio perché mancano fondi e un progetto di prospettiva serio. Domani martedì 21 giugno, dalle ore 10 alle 12 a Firenze ci sarà un presidio unitario davanti alla sede della Presidenza della Regione Toscana (piazza Duomo 10) con i delegati delle province di Firenze, Prato, Pistoia, Lucca, Massa e Carrara, Pisa e Livorno. L'iniziativa di lotta segue il riuscitissimo sciopero di marzo e un altro presidio (a Firenze lo scorso 7 giugno in via Cavour davanti alla sede del Consiglio regionale) coi delegati di Arezzo, Siena e Grosseto. Venerdì 1° luglio poi sarà sciopero per l’intera giornata, con manifestazione a Firenze, dalle ore 10 alle 16, ancora davanti alla presidenza della Regione Toscana in Piazza Duomo a Firenze.

Leggi la notizia completa sul sito della Cisl Toscana

 

Leggi anche:

Sardegna. Sindacati: Sardegna. Sindacati: "No al cambiamento di contratto per i lavoratori dell’Agenzia Forestas"
  Cagliari, 25 gennaio 2018. Si nota forte contrarietà delle segreterie regionali FLAI-CGIL, FAI-CISL e UILA-UIL alle proposte, presentate da...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa