Emilia Romagna. Metalmeccanici, domani a Modena nuovo sciopero per rinnovo ccnl

30 Giugno 2016 - Nuovo sciopero dei metalmeccanici modenesi a sostegno della vertenza per il rinnovo del contratto nazionale. Domani – venerdì 1 luglio – si fermano per quattro ore (le prime 4 ore per i normalisti, le ultime 4 ore per i turnisti) i lavoratori a cui si applica il contratto nazionale Federmeccanica. Sono previsti presidi organizzati dalle rsu davanti alle proprie aziende. «Dopo sette mesi di trattativa, Federmeccanica e Assistal continuano a ribadire le posizioni del 22 dicembre scorso e impediscono l’avvio di un vero negoziato sul rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici – affermano Cesare Pizzolla (segretario provinciale Fiom Cgil Modena), Giorgio Uriti (segretario generale Fim Cisl Emilia Centrale),~Alberto Zanetti (segretario Uilm Uil Modena-Reggio Emilia) - Federmeccanica e Assistal a parole chiedono un rinnovamento, ma nei fatti vogliono cancellare il contratto nazionale mettendo in discussione contemporaneamente il modello contrattuale – fondato su due livelli negoziali –, il ruolo e il valore del contratto nazionale quale reale strumento di tutela dei salari e dei diritti di tutti i lavoratori metalmeccanici. Non vogliono riconoscere l’aumento salariale alla stragrande maggioranza della nostra categoria e vogliono cancellare il ruolo universale e solidale del contratto nazionale, puntando alla divisione tra i lavoratori». Di fronte a questa situazione le segreterie di Fim, Fiom e Uilm di Modena - nell’ambito della decisione delle segreterie nazionali di proclamare ulteriori quattro ore di sciopero e il blocco totale di tutte le flessibilità – ritengono necessario intensificare la mobilitazione con iniziative nei luoghi di lavoro e sul territorio. Per questo è stato proclamato lo sciopero di domani. "È nostra intenzione sensibilizzare le forze politiche locali invitandole a un incontro previsto lunedì 4 luglio alle 17.30 presso la sede Fiom Modena – aggiungono Pizzolla, Uriti e Zanetti - I metalmeccanici vogliono conquistare un contratto nazionale che garantisca il potere d’acquisto del salario per tutti i lavoratori; estenda la contrattazione di secondo livello su tutti gli aspetti che compongono la prestazione lavorativa; qualifichi le relazioni industriali, faccia ripartire gli investimenti, rilanci una vera politica industriale; migliori l’organizzazione e le condizioni di lavoro, tuteli tutte le forme di lavoro e l’occupazione; introduca nuovi diritti di formazione, welfare, partecipazione e – concludono i segretari di Fim, Fiom e Uilm – valorizzi le professionalità".

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa