Poste. Sindacati Toscana: Carenza di personale e cattiva organizzazione post sciopero

Firenze, 3 agosto 2016 . Lo sciopero degli straordinari dal 25 luglio al 24 agosto indetto da Slc-Cgil, Slp-Cisl, Uilposte, Failp. Sailp, Ugl per i lavoratori delle Poste della toscana sta producendo molti disservizi nel territorio fiorentino, in molti uffici postali si arriva anche a un ora di attesa e la posta viene recapitata anche una volta ogni dieci giorni. La protesta che stiamo portando avanti è per manifestare la nostra netta contrarietà al processo di privatizzazione deciso dal governo e la forte carenza di personale. “In provincia di Firenze –spiega Marco Nocentini della Slp-Cisl il personale applicato alla sportelleria e al recapito è insufficiente a garantire i servizi ai cittadini e questo determina una situazione non più sostenibile”. Agli sportelli i clienti subiscono il disagio di file interminabili e scaricano poi tutta la loro rabbia nei confronti degli sportellisti. Al recapito la carenza di personale, sta mettendo in ginocchio il servizio e la privatizzazione produrrà soltanto una riduzione di servizi.” “I lavoratori e le lavoratrici dei Servizi Postali e della sportelleria, con lo sciopero delle prestazioni aggiuntive, oggi, oltre a manifestare la propria contrarietà alla privatizzazione e alla riorganizzazione di PCL ( Servizi Postali), possono rispondere anche alle continue pressioni aziendali, la cattiva organizzazione di lavoro e i precari mezzi e strumenti di lavoro messi a loro disposizione. Rivendicano, inoltre, l'utilizzo e la trasformazione dei lavoratori a Part Time a tempo indeterminato per far fronte all'attuale carenza di personale” dichiara Claudio Bellatti coordinatore Poste Slc-Cgil Firenze “Dovremmo scongiurare la scellerata idea del governo di privatizzare totalmente Poste Italiane, per garantire l'occupazione dei nostri lavoratori, che già oggi lavorano in una situazione difficile e garantire ai cittadini la funzione sociale di Poste.” Dichiara Renzo Nardi segretario regionale Uilposte La nuova organizzazione del recapito a giorni alterni che è partita nella provincia di Arezzo e Prato sta producendo grossissimi disservizi, infatti la corrispondenza rimane ferma negli uffici. Poste Italiane - non ha finora dato segni di voler sopperire a queste carenze, nonostante le lamentele della clientela. Con questo sciopero vogliamo sbloccare una situazione non più accettabile e poter offrire un servizio migliore ai nostri clienti.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa