Sanità. Cgil, Cisl e Uil in Abruzzo firmano l’accordo sulla compartecipazione alla spesa socio-sanitaria per il 2016

Pescara, 4 agosto 2016. Le segreterie regionali di Cgil, Cisl, Uil, Abruzzo, unitamente alle Federazioni dei Pensionati e della Sanità, dopo un confronto con gli Assessorati alle Sanità e del Sociale della Regione, hanno sottoscritto un accordo sulla compartecipazione dei Comuni e dei Cittadini utenti, alla spesa sanitaria per le prestazioni socio-sanitarie per l’anno 2016. Cgil, Cisl, Uil, hanno contestato la Delibera della Giunta Regionale n.285, approvata in data 3 maggio 2016, con la quale la Regione Abruzzo inseriva la compartecipazione degli utenti alla spesa socio-sanitaria per i cittadini perché il testo stabiliva la soglia ISEE di reddito troppo bassa, non considerando lo stanziamento di 7,5 milioni del fondo di solidarietà previsto in bilancio: era necessario ampliare l’esenzione in favore dei cittadini e dei comuni per la compartecipazione ai servizi socio-sanitari. L'accordo sottoscritto modifica la DGR 285/2016. prevedendo soglie ISEE più rispondenti alla situazione ed introducendo variazioni rispetto alla tipologia della malattia, della composizione del nucleo famigliare e del reddito ai fini della compartecipazione alla spesa da parte dell’utente per la quota sociale residenziale e semiresidenziale. Vengono, infatti, fissate 3 tipologie di ISEE:

1- da € 15.000,00 per adulti disabili non coniugati e senza figli con reddito ISEE riferito al solo assistito;

2- da € 24.000,00 per adulti disabili (coniugati e/o con figli) e anziani non autosufficienti (coniugati e/o con figli) con reddito ISEE riferito al nucleo familiare ristretto (articolo 6, comma 2, d.p.c.m. 159/2013);

3- da € 36.000,00 per minori con disabilità con reddito ISEE riferito al nucleo familiare.

Le tre tipologie individuate sono suddivise in ulteriori 4 fasce di compartecipazione alla spesa, in base al reddito del nucleo famigliare o della persona. Con l'accordo sindacale appena sottoscritto, si consente ad un maggiore numero di utenti che usufruiscono dei servizi socio-sanitari di essere esenti dalla spesa per la compartecipazione, tutelando così le fasce più deboli della popolazione.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa