Sicilia. Ex province Cisl: "A fare le spese delle non-decisioni di Governo e maggioranza, cittadini, dipendenti, precari"

27 ottobre 2016. Lla Cisl Sicilia commenta, in una nota, l’ennesimo rinvio a febbraio, deciso dall’Ars nella serata di ieri, delle elezioni di secondo grado per le assemblee dei Liberi consorzi e delle Città metropolitane. “Quello di Crocetta passerà alla storia come il governo dei commissari. E degli annunci di riforme lasciate incompiute. Palazzo d’Orleans ha superato se stesso. Meglio: ha superato il limite della decenza”, scrive la Cisl denunciando la patologia di commissari imposti all’infinito: “un vulnus al principio della governance democratica degli enti”, con le parole di Mimmo Milazzo, segretario generale. Il commissario, insiste la Cisl, per sua natura è figura d’emergenza. “Ma se l’emergenza nei fatti diventa regola, allora si pone un problema sul piano della legittimità oltre che su quello del governo”. E a fare le spese delle non-decisioni, sono “i cittadini, i disabili, i collegamenti intercomunali, gli edifici scolastici. E assieme, gli oltre seimila dipendenti degli enti di area vasta e delle società partecipate e i 500 precari di questi enti: tutti a muffire nel limbo di una politica sorda e cieca. Autosufficiente e autoreferenziale”. “Al Governo e alla sua maggioranza – rimarca la Cisl – chiediamo un sussulto di responsabilità che recuperi dignità alle istituzioni, evitando di precipitare ancora la Sicilia nel ridicolo, figlio dell’inadeguatezza. E dell’approssimazione.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa