Palermo. Sindacati: Sciopero contro privatizzazione Poste

Palermo, 04 novembre 2016. Più di 3500 lavoratori siciliani delle Poste hanno sfilato a Palermo, stamattina, per lo sciopero generale nazionale contro il piano di privatizzazione e contro disfunzioni e disservizi. Per Slp e Cisl Sicilia, che hanno organizzato la manifestazione regionale a Palermo assieme a Cgil, Confsal, Failp e Ugl, “la straordinaria partecipazione deve far riflettere Governo e vertici aziendali”, con le parole di Mimmo Milazzo e Giuseppe Lanzafame, leader della Cisl Sicilia il primo, segretario della Slp Cisl regionale, l’altro. I dipendenti degli uffici postali sono arrivati a Palermo dalle nove province dell’Isola con 35 pullman e mezzi propri, fanno sapere i sindacati.~Il corteo s’è mosso da piazza Alcide de Gasperi e ha raggiunto la sede regionale dell’azienda davanti alla quale i lavoratori hanno sostato in sit-in. La preoccupazione di Cgil, Cisl, Confsal, Failp e Ugl è che la privatizzazione si traduca in una pesante mannaia sull’occupazione. Spiegano Milazzo e Lanzafame che “il principio del servizio sociale e universalistico finirebbe con l’essere piegato alle mere logiche del profitto e col portare con sé il taglio, nell’Isola, di centinaia di posti”. Le prime a saltare sarebbero le attività poco redditizie, avverte il sindacato: gli uffici postali nei piccoli Comuni e il recapito nei piccoli centri. Insomma, la privatizzazione, secondo i due sindacalisti, è “un’ipoteca pure sul diritto di cittadinanza”. Per contro, ci sarebbe bisogno di investimenti e non di tagli. Da qui la richiesta al Governo di ritirare il progetto di privatizzazione, a cui si legano altri motivi, pure alla base della protesta: la disorganizzazione per cui spesso gli utenti ricevono la posta in ritardo; il clima di intimidazione con “troppi procedimenti disciplinari avviati”. I ritardi ingiustificati nella trasformazione da part time a full time del rapporto di lavoro di un migliaio di giovani. Le pesanti pressioni commerciali. E l’inesistenza di un piano di sviluppo che sia davvero tale. I dipendenti delle Poste in Sicilia sono oltre diecimila, 140 mila in tutta Italia. (ug)

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa