Sicurezza sul lavoro. Cisl Sicilia: la tragedia di Messina riapre il dibattito sulla sicurezza. Gli organi di controllo sono “poche unità per provincia”

Palermo, 30 novembre 2016. “Il punto è che, nel pubblico e tra i privati, stenta a crescere la cultura della sicurezza sui luoghi di lavoro: troppo pochi gli ispettori. E l’idea, dura a morire, che la sicurezza sia un costo, non una risorsa”. Così la Cisl all’indomani dell’incidente che ha visto la morte di tre marittimi nel porto di Messina: Gaetano D’Ambra, Christian Micalizzi e Santo Parisi. Per Mimmo Milazzo e Giorgio Tessitore, segretario generale e componente della segreteria regionale della Cisl Sicilia, “gli organi di controllo della sicurezza sono sottodimensionati e ridotti spesso a poche unità per territorio provinciale”. Inoltre le aziende, non di rado, sono portate a concepire l’informazione e la formazione sulla sicurezza “un onere da aggirare e marginalizzare e non un’opportunità, anche ai fini della produttività aziendale”. La Cisl sollecita istituzioni e imprese a ripensare l’approccio ai temi della sicurezza, anche in ottemperanza alle disposizioni di legge. E, in una nota, manifesta “il cordoglio del sindacato per la tragica scomparsa dei marittimi, sulla nave Sansovino della Caronte & Tourist”.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa