Calabria/Poste italiane, grave perdita occupazionale nella regione

10 Dicembre 2016 - "Inesorabile processo recessivo, la desertificazione dei servizi postali della Calabria, oltre alle numerose chiusure di Uffici ed il recapito a giorni alterni al collasso, che hanno fortemente penalizzato le comunità calabresi, Poste Italiane sta per sopprimere altra occupazione in una terra affamata di lavoro". Questo l'allarme lanciato dai Segretari Generali di Cisl Calabria e Slp Cisl Calabria, Paolo Tramonti e Enzo Cufariin una nota congiunta che così prosegue: 

"Infatti, dal 31 gennaio 2017 chiuderà il PACG mettendo in esubero i lavoratori ivi applicati e successivamente il 31 marzo 2017 il ben più numeroso settore AFC (Centro Contabile). Quest’ultimo centro rappresenta l’emblema dell’ignavia postale e della classe politica che non può restare assente e impassibile davanti a cotanta ingiustizia. Si porta a conoscenza che gli AFC nel Sud attualmente sono presenti in 5 centri regionali: Napoli, Bari, Catanzaro, ed eccezion fatta per la Sicilia con due centri a Palermo e Catania. Ebbene, nel processo di razionalizzazione si fa scomparire il centro calabrese, nel mentre si mantengono, inspiegabilmente, i due centri presenti in Sicilia, i quali potrebbero essere accorpati senza subire ricadute occupazionali e di funzionalità. Una vergogna assoluta, un’ingiustizia ed un affronto per questa martoriata terra che lentamente muore. Questo fa seguito alla mancata trasformazione degli oltre 500 lavoratori part-time della Calabria, a differenza di quello che è avvenuto in Campania. Infatti, mentre in quest’ultima regione nei trascorsi due anni sono stati giustamente trasformati oltre 450 contratti di lavoro da part-time a full-time, in Calabria ne sono stati trasformati soltanto 26. Tutto ciò ha penalizzato fortemente l’erogazione dei servizi di Poste Italiane in Calabria che è sotto gli occhi di tutti con l’aggravante di aver contribuito al drammatico spopolamento delle nostre aree interne. Questa Organizzazione chiede l’intervento delle forze sociali, della politica e delle istituzioni perché ritiene giunto il momento di alzare la testa e reclamare il giusto diritto dei cittadini e dei lavoratori calabresi a sentirsi parte integrante del Paese Italia.  La Calabria, tutta insieme, deve dire BASTA!

 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.