Toscana. Il 13 dicembre sciopero e manifestazione regionale a Firenze dei lavoratori TIM

Firenze, 12 dicembre 2016. I sindacati regionali Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom hanno indetto per il 13 dicembre a Firenze uno sciopero e una manifestazione regionale di tutti i lavoratori della Tim. In un comunicato congiunto ne spiegano le ragioni: “Da mesi stiamo lottando contro le scelte aziendali e del Governo per sostenere una politica industriale che parta da TIM e crei sviluppo a tutto il paese. Ci stiamo opponendo all'impoverimento del settore, agli esuberi che si determineranno se AGCOM farà la scelta di liberalizzare la manutenzione dell'ultimo miglio, alla perdita dei diritti e all'utilizzo dell'appalto e del subappalto senza regole.
Ma soprattutto vogliamo fare una trattativa che parta da TIM e coinvolga tutto il paese perché senza TIM non c'è sviluppo. Per questo abbiamo organizzato presidi, manifestazioni, flash mob in Toscana; in tutta Italia le iniziative stanno crescendo. Ma non ci fermiamo.
Una prima giornata di sciopero proclamato in tutto il territorio nazionale si svolgerà domani martedì 13 dicembre con manifestazione regionale a Firenze. Il concentramento è previsto per le ore 09.30 in Piazza Santa Maria Novella, in corteo per le strade del centro cittadino confluiremo in Piazza Duomo sotto la sede della presidenza della Giunta regionale.
Chiederemo un incontro al Governatore della Toscana , Enrico Rossi, sostenendo le nostre ragioni e le nostre rivendicazioni:
1) ritirare la disdetta degli accordi aziendali decisa unilateralmente da TIM;
2) avviare una trattativa per risolvere i problemi che ci sono nel settore;
3) coinvolgere il governo contro le decisioni dell'AGCOM;
4) scongiurare gli esuberi (5000 in Italia e 500 potenziali in Toscana)
5) impedire al management di TIM di impoverire l'azienda per intascare 55 milioni di extra bonus alla fine del triennio 2016/2019. Un furto che è bene portare a conoscenza di tutti.”

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.