Pensioni. Fnp Cisl Emilia Centrale: il Milleproroghe ripristina il pagamento al primo giorno utile del mese

Reggio Emilia, 19 gennaio 2017. Soddisfazione dei pensionati della Cisl per l’accredito di tutte le prestazioni pensionistiche che saranno pagate il 1° giorno bancabile del mese a partire da febbraio. “In passato avevamo registrato numerose lamentele dal fatto che si fosse spostato in avanti il pagamento delle pensioni (dal gennaio 2015) – spiega Adelmo Lasagni, segretario generale della Fnp Cisl Emilia Centrale –. Soprattutto con la crisi ‘arrivare a fine mese’ era diventato ancora più impegnativo, considerato anche che i pensionati si erano sovente sobbarcati situazioni di perdite lavorative di familiari. Ora questa nota dell’Inps che annuncia quanto previsto dal Decreto Milleproroghe, firmato dal Presidente Mattarella lo scorso 31 dicembre: vengono unificate le date di pagamento delle prestazioni Inps, Inpdap ed Enpals. Un grazie, anche, all’attività sindacale nazionale svolta per ripristinare un diritto di tutti”. Nel dettaglio a febbraio e marzo le pensioni saranno pagate il primo del mese mentre ad aprile le poste pagheranno il primo (è un sabato) e le banche il 3. A maggio le pensioni saranno pagate il due mentre a giugno saranno pagate il primo del mese. A luglio le Poste pagheranno il primo del mese e le banche il 3 mentre ad agosto e settembre la rata arriverà sui conti il primo del mese. A ottobre e novembre le pensioni saranno pagate il due del mese sia dalle Poste che dalle banche mentre a dicembre si potrà riscuotere l'assegno il primo sia dalle banche che dalle Poste. Inoltre, comunica la Fnp Cisl, “apprendiamo con grande soddisfazione la decisione del ministro Poletti di aver predisposto un emendamento al Decreto Milleproroghe per evitare che i pensionati debbano restituire lo 0,1% della rivalutazione delle pensioni avuta nel 2015”. La dichiarazione fa seguito alle dichiarazioni del ministro Poletti riguardo l'intenzione di non voler procedere al recupero delle somme nel corso del 2017. "Una decisione di buonsenso – spiega Luigi Bonfati, segretario nazionale della Fnp Cisl - che permette di non togliere risorse ai pensionati e rimanda tale operazione a condizioni economiche più rosee per il nostro Paese".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.