• InfrastruttureFurlan:

    Infrastrutture
    Furlan: "Urgente sbloccare i cantieri del Terzo Valico, della Tap e della Pedemontana. Il 30 Ottobre a Genova lanceremo le nostre proposte per far ripartire il Paese e gli investimenti"

    Continua...

  • Manovra Cgil Cisl Uil al Governo:

    Manovra
    Cgil Cisl Uil al Governo: "Nel Def mancano risposte incisive su crescita, lavoro, investimenti pubblici"

    Continua...

  • Lavoro Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive Sbarra:

    Lavoro
    Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive
    Sbarra: "Segnale di attenzione alla richiesta dei sindacati confederali"

    Continua...

  • Dal territorio

COMUNICATI STAMPA

Industria. Colombini: "Per far crescere la domanda interna servono politiche del lavoro ed una politica industriale rispettosa dell’ambiente"

Roma, 16 ottobre - "Il dato positivo fornito dall’Istat sull’aumento del fatturato e degli ordinativi nel mese di Agosto evidenzia... continua

Donne. Cgil Cisl, Uil: "Conciliazione vita lavoro riguarda tutti i lavoratori non solo le donne. Urgente un incontro con il Governo"

Roma, 16 ottobre -  La conciliazione tempi di vita tempi di lavoro "non è e non deve essere un affare... continua

Sicurezza lavoro. Furlan: "Morte operaio a Bergamo ennesima tragedia che addolora tutti. Sicurezza non può diventare un optional"

15 ottobre 2018 - Un operaio di 44 anni ha perso la vita mentre era al lavoro oggi in provincia... continua

Infrastrutture. Il 30 ottobre a Genova la Cisl chiama a confronto Governo, istituzioni, forze politiche. Ci saranno:  Furlan, Tajani, Rixi, Martina, Bucci, Toti  

Roma, 16 ottobre 2018 - “Infrastrutture: per una stagione di maggiore efficacia con al centro il lavoro, la sicurezza e... continua

Immigrati. Cgil Cisl Uil: "Un grave errore la scelta di trasferire i migranti ospiti nello Sprar di Riace presso altre strutture"

14 ottobre 2018 - "La scelta di trasferire i migranti ospiti nello Sprar di Riace presso altre strutture lo riteniamo... continua

Lavoro. Furlan: "Bisogna fermare la strage. Istituzioni ed imprese non ignorino il monito di Mattarella su sicurezza ed ambiente"

14 ottobre 2018 - "Dall’inizio dell’anno tre morti al giorno sul lavoro. Bisogna fermare questa strage. Sicurezza ed ambiente sicuro... continua

Labor TV

Intervento di Annamaria Furlan al Festival delle Generazioni "Rappresentanza è Democrazia"

Guarda tutti i video

IN EVIDENZA

A PROPOSITO DI

  • "Senza lavoro da offrire, i centri per l'impiego non servono a nulla" intervista ad Annamaria Furlan, "Corriere della Sera" del 9 ottobre 2018

    Furlan"Investire sui centri per l'impiego e' molto importante. Ma puo' rivelarsi inutile se poi non ci sono posti di lavoro da offrire. E questo e' il rischio che vogliamo evitare". Lo afferma in un'intervista al Corriere della Sera la leader della Cisl Annamaria Furlan. Sulla manovra Furlan spiega: "Il primo problema non e' il livello del deficit ma quello degli investimenti per fare crescere il Pil e creare lavoro. Tra l'altro, se ci fossero piu' investimenti la manovra diventerebbe accettabile pure per Bruxelles. La nota di aggiornamento al Def e' del tutto generica e contraddittoria rispetto a quello che si intende fare sulle grandi opere. La manovra non dice nulla su Tav, Terzo Valico, Tap, Pedemontana. Il primo cambiamento di rotta che chiediamo e' questo". "Oggi l'80% delle entrate fiscali sono sulle spalle del lavoro dipendente - prosegue -. I consumi vanno fatti ripartire rendendo piu' pesanti buste paga e pensioni. Ci aspettiamo che si rimetta in discussione l'Irpef a carico di pensionati e lavoratori, mantenendo la progressivita', come dispone la Costituzione".

    Poi definisce quota 100 "un buon punto di partenza. Ma serve un correttivo. Bisogna tenere conto che le donne italiane, in particolar modo al sud, ai 38 anni non ci arrivano. Serve un anno di contributi figurativi riconosciuti alle donne per ogni figlio". In merito al reddito di cittadinanza, per Furlan "combattere la poverta' e' una priorita'. Ma il lavoro non si crea con sussidi. Va colmato il ritardo su investimenti e infrastrutture, al Sud raggiunge livelli scandalosi. In tutta la Nadef non c'e' una riga sul Sud. Noi chiediamo invece tasse zero per le imprese che assumono giovani nel Mezzogiorno".

FOCUS

ISCRIVITI ALLA CISL. INSIEME E' MEGLIO!

tesseramento 2018 orizzontale nologo lowres

Sindacato, contrattazione, tutela e rappresentanza. La persona, il luogo di lavoro, il territorio al centro dell'azione della CISL. Azione di prossimità. Siamo presenti su tutto il territorio con le Unioni sindacali territoriali e con la rete di servizi di assistenza, informazione e orientamento.  Dettagli

Iscriviti 

SCRIVI ALLA CISL

Inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo indirizzo email

Valore non valido

Inserisci il quesito

AggiornaValore non valido

Consenso privacy
 

Calabria. La Cisl sollecita un forte rilancio dell'azione politico-amministrativa

Si è riunito oggi a Lamezia Terme il Comitato Esecutivo della CISL Calabria. Il Segretario Generale Paolo Tramonti, nella relazione introduttiva, ha illustrato i principali temi del momento.
Sul fronte nazionale la CISL calabrese condivide e sostiene l'azione messa in atto dalla Confederazione sui temi della riforma della Scuola, del Fisco e della Previdenza. Su quest'ultimo punto le soluzioni con le quali il Governo intende ottemperare alla sentenza della Consulta sull'inammissibilità del blocco delle perequazioni al costo della vita introdotto dalla Legge Fornero non sono sufficienti. Non si può parlare di bonus in quanto si tratta di soldi che appartengono ai pensionati e con l'"una tantum" e la rivalutazione, a partire dal 2016, la restituzione avviene solo in minima parte. A questo punto è necessario che il Governo apra con immediatezza il confronto con il sindacato per cambiare complessivamente la Legge Fornero e dare una risposta equa ai pensionati.
Sulla riforma della SCUOLA la CISL insiste nel chiedere profonde modifiche. Occorre predisporre un piano pluriennale di stabilizzazione che includa quanti non sono compresi nei 100.000 previsti dal Governo, così come non si può affidare la valutazione dei docenti a chi non ha la dovuta competenza. La scuola è fondata sulla collegialità e questo principio deve essere mantenuto e rispettato.
Sul FISCO è in pieno svolgimento, anche nella nostra Regione, la raccolta firme per la presentazione di una legge delega di iniziativa popolare i cui punti fondamentali sono: bonus da 1.000 euro, nuovo assegno familiare, fiscalità locale al servizio del cittadino, una imposta sulla grande ricchezza netta, riduzione dell'evasione fiscale. L'obiettivo è quello di dare più risorse a chi lavora, ai pensionati e alle aree sociali medio-basse sia in direzione di maggiore equità che per liberare risorse ai fini della crescita e della ripresa economica e produttiva.
Sul fronte regionale la CISL chiede con forza un maggiore impulso alle attività politico-istituzionali, adeguato alla complessità delle questioni aperte. Per questi motivi il confronto con il Governo regionale è fondamentale sia per la gestione delle tante emergenze presenti che sulle iniziative da assumere per portare la nostra Regione fuori dall'attuale condizione.
Per la CISL è arrivato il momento di mettere in campo provvedimenti strutturali per ridurre gli sprechi liberando risorse ordinarie e comunitarie e per avviare con immediatezza un piano di interventi per il Lavoro, la Crescita e l'Inclusione Sociale. Urge un Piano per il Lavoro con politiche attive a favore di disoccupati, inoccupati, precari e percettori di ammortizzatori in deroga in un quadro di rilancio dell'economia regionale che arresti il processo di desertificazione in atto che ha visto in questi anni la perdita di migliaia di posti di lavoro (70.000 negli ultimi 10 anni). Occorre prioritariamente rafforzare la capacità produttiva del tessuto imprenditoriale calabrese partendo dalle tante potenzialità esistenti, finora inespresse e poco utilizzate. In questo senso l'avvio del ciclo di programmazione comunitaria 2014-2020 non può tardare, così come occorre accelerare sul completamento della spesa 2007-2013 per sostenere un concreto piano di investimenti, evitando il ripetersi di errori e ritardi nell'utilizzo dei fondi.
Per la CISL è fondamentale connettere la Calabria con i principali assi europei, partendo anche dal miglioramento delle infrastrutture esistenti che oggi possono contare su stanziamenti importanti (3 miliardi e 200 milioni di euro del Fondo di Sviluppo e Coesione 2014-2020), decisivi per risollevare un settore strategico per l'economia calabrese e i livelli occupazionali come quello delle costruzioni.
Quanto sta avvenendo con il protrarsi dell'interruzione dell'A3 tra Laino Borgo e Mormanno dimostra chiaramente come la nostra Regione necessiti di un programma di opere pubbliche in grado di collegare e ammodernarne i vari territori scongiurando il ripetersi di situazioni come l'attuale che stanno provocando disagi e danni enormi alle popolazioni e al sistema economico regionale. Il tavolo convocato per il prossimo 3 giugno dal Ministro Delrio dovrà essere risolutivo sui tempi di definizione e di ripristino dell'importante arteria. In attesa la CISL ribadisce la richiesta di individuare e prevedere soluzioni alternative sugli assi viari, ferroviari, aerei e marittimi, soprattutto in vista dell'approssimarsi della stagione estiva.
L'insieme delle questioni aperte - per la CISL - dimostra come l'auspicata inversione di tendenza si potrà realizzare solo abbandonando le logiche del passato e chiamando a raccolta tutte le forze in campo per costruire un nuovo patto per il Lavoro, l'Economia, lo Sviluppo e la Legalità in Calabria.
In questa direzione si inquadra l'intesa sottoscritta nei giorni scorsi (Patto per la Calabria) tra OO.SS. regionali e Unindustria Calabria che si pone l'obiettivo di mettere in campo una strategia condivisa per aggredire tutte quelle criticità che fino ad oggi hanno ostacolato lo sviluppo della nostra terra in una logica di bene comune mirato all'avanzamento dell'equità sociale e della partecipazione.
Sono intervenuti al dibattito: Cosimo Piscioneri (Segretario Generale FNP CISL Calabria), Giovanni Gattuso (Segretario Generale FIBA CISL Calabria), Antonio Russo (Segretario Generale CISL Cosenza), Gennaro Madera (Responsabile INAS CISL Calabria), Domenico Serranò (Segretario Generale CISL Reggio Calabria), Pino De Tursi (Segretario Generale CISL Catanzaro-Crotone-Vibo Valentia), Pompeo Greco (Segretario Generale FEMCA CISL Calabria), Annibale Fiorenza (Segretario Generale FIT CISL Calabria), Antonio Ferrari (Presidente CAF CISL Calabria).

CONQUISTE DEL LAVORO

copertina_conquiste_del_lavoro

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

Ilva, Mittal dà il via libera alle cessioni

Il gruppo indiano annuncia la dismissione di 4 siti in Europa: c’è anche Piombino. Proseguono le trattative ...

Medici in sciopero il 9 novembre

Sindacati: insufficienti i finanziamenti per il Fondo sanitario 2019, disattesi impegni su assunzioni e stabilizzazioni, poche risorse sui contratti...

Fs: oggi incontro su Mercitalia. Fit: vogliamo sapere quale futuro ci aspetta

Si dovrebbe registrare un'inversione di tendenza rispetto al passato in termini sia di efficienza sia di posizionamento sul mercato. Ripresa...

CONQUISTE DEL LAVORO

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

Ilva, Mittal dà il via libera alle cessioni

Il gruppo indiano annuncia la dismissione di 4 siti in Europa: c’è anche Piombino. Proseguono le trattative ...

Medici in sciopero il 9 novembre

Sindacati: insufficienti i finanziamenti per il Fondo sanitario 2019, disattesi impegni su assunzioni e stabilizzazioni, poche risorse sui contratti...

Fs: oggi incontro su Mercitalia. Fit: vogliamo sapere quale futuro ci aspetta

Si dovrebbe registrare un'inversione di tendenza rispetto al passato in termini sia di efficienza sia di posizionamento sul mercato. Ripresa...

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa