Toscana. Fim Cisl nazionale e di Piombino: “Su Aferpi di Piombino bisogna rispettare gli impegni. L’azienda presenti un piano industriale”

Roma, 16 febbraio 2017. “Oltre 500 lavoratori dell’Aferpi di Piombino, stanno manifestando lungo le strade della città toscana per riunirsi davanti al Municipio in attesa dell’incontro sull’accordo di programma che si terrà tra sindacato e istituzioni nella tarda mattinata di oggi. Al centro della riunione le preoccupazioni su tempi e stato del rilancio dell’area industriale della città, il cui cuore è rappresentato dall’acciaieria. L’incontro odierno precede quello che si terrà martedì 21 febbraio al Ministero dello Sviluppo Economico a Roma. Chiediamo che governo e istituzioni locali facciano rispettare gli impegni sugli investimenti e sul rilancio industriale, presi dall’azienda. I lavoratori attendono ormai da troppi mesi. Aferpi deve presentare subito il piano industriale per ottemperare agli impegni presi e rilanciare l’attività industriale, non c’è altro tempo da perdere. Questa è l’unica la strada per salvaguardare l’occupazione e il ruolo strategico delle realtà produttive del Paese, in cui la produzione dell’acciaio rappresenta la spina dorsale di tutta la produzione industriale.” Così in una dichiarazione il Segretario nazionale Fim Cisl, Nicola Alberta, e il Segretario Fim Cisl di Piombino, Fausto Fagioli.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.