Sicilia. Disabili, Cisl: "Garantire l’inclusione sociale e civile dei diversamente abili è un dovere delle istituzioni"

21 Febbraio 2017 - “L’abbandono a se stessi dei diversamente abili un fatto grave, da affrontare e risolvere con assoluta urgenza. Cominciando col garantire, nell’ambito della sessione di bilancio in corso all’Ars, le risorse necessarie al fondo per la non autosufficienza e ai piani personalizzati per i minori affetti da disabilità”. Così la Cisl sulla vicenda dei disabili siciliani, balzata agli onori delle cronache negli ultimi giorni. "Una delle pagine più tristi e penose del governo della Regione e della gestione amministrativa regionale, degli ultimi anni” si legge in una nota. “È un fatto di civiltà”- si legge ancora - lascia perplessi l’incontro di oggi a Palazzo d’Orleans tra le famiglie di disabili accompagnate dal regista Pif, e il governatore Rosario Crocetta”. Un incontro avvenuto a valle della legittima protesta delle famiglie dei portatori di handicap e durante il quale, un presidente della Regione non affiancato da dirigenti generali né da alcun tecnico competente, si è “arrampicato sugli specchi per rispondere alla domanda sul quando il servizio di assistenza sarebbe stato concretamente fornito ai 3600 disabili siciliani”. “Garantire l’inclusione sociale e civile dei diversamente abili è un dovere delle istituzioni e di chi le amministra – sostiene Milazzo – e fanno bene le famiglie che vivono questo dramma, a pretendere certezze. La Cisl è al loro fianco”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.