Calabria. Per l'8 Marzo, teatro di impegno sociale nel penitenziario di Castrovillari per raccontare le ingiustizie contro donne e bambini negli ultimi trent'anni

COMUNICATO STAMPA

IL COORDINAMENTO DONNE CISL CELEBRIA l'8 MARZO IN CARCERE PORTANDO IL TEATRO D'IMPEGNO SOCIALE NEL PENITENZIARIO DI CASTROVILLARI
NAUSICA SBARRA: LA CULTURA HA UN GRANDE VALORE RIEDUCATIVO

Un modo diverso di festeggiare le donne l'8 marzo. Portare in carcere i disagi sopportati lungo i secoli e raccontare ai detenuti ed alle detenute quanto è avvenuto in Calabria contro le donne e contro i bambini negli ultimi trent'anni. Il Coordinamento Donne Regionale della Cisl, diretto da Nausica Sbarra, propone, mercoledì 8, all'interno del penitenziario di Castrovillari , lo spettacolo teatrale “#Iodamorenonmuoio” tratto dall'omonimo libro del giornalista e scrittore calabrese Arcangelo Badolati. L'io recitante della piece è lo stesso Badolati accompagnato in scena dall'attrice Federica Montanelli, allieva prediletta di Enzo Garinei una delle figure più importanti del teatro italiano. dichiara Nausica Sbarra < per far comprendere quanto inutile sia il ricorso alla violenza e dimostrare, al contrario, come l'amore vero sia fatto di condivisione e reciproca solidarietà e non di possesso e costanti soprusi. Lo spettacolo racconta il dramma vissuto dalle donne cresciute negli ambienti della 'ndrangheta come di quelle uccise da ex mariti ed ex fidanzati. E' un pugno nello stomaco che offre, tuttavia, anche molti messaggi di speranza. Lo schema della rappresentazione> spiega Nausica Sbarra < è il racconto del giornalista e scrittore calabrese, accompagnato da musiche, cui si alterna la recitazione di brani tratti da atti giudiziari o da capolavori della letteratura mondiale a cura dell'attrice Federica Montanelli. L'atmosfera diviene subito molto suggestiva e il messaggio lanciato è chiaro: la bellezza della cultura, dell'arte, della pittura, del sapere è l'unico antidoto da opporre alla subcultura della violenza. Più si conoscono le parole dei poeti, i pensieri dei filosofi, le tele degli artisti, più l'animo diviene sensibile e dolce e non lascia perciò spazio alla crudeltà tipica di chi stalkerizza, stupra o uccide. Nella piece s’incrociano i fatti di cronaca con le pagine più significative della storia e della letteratura svelando le tante analogie esistenti tra il passato e il presente. Badolati ripercorre in scena, accompagnato dalla voce recitante della Montanelli, le esistenze di donne ribelli come Maria Concetta Cacciola, Tita Buccafusca e Giuseppa Mercuri; di donne assassinate come Roberta Lanzino, Maria Rosaria Sessa, Fabiana Luzzi; di mamme uccise dai figli come Patrizia Schettini e Patrizia Crivellaro; di donne “schiave” come Ruza Sanis costretta a battere sulle strade della Penisola. E, poi, di donne straordinarie come Antigone, Artemisia Gentileschi, Isabella Morra, Beatrice Cenci, Giovanna d’Arco, Olympe de Gouge, Ipazia d’Alessandria, Oriana Fallaci, Margherita Sarfatti, Alda Merini. Lo spettacolo regala pure un'ampia finestra sugli uomini che hanno cantato l’amore: Dante, Shakespeare, D’Annunzio, Cocteau, Fò, Ungaretti, Hikmet, Prevert. Questo tipo d'impegno a favore delle donne in un mondo difficile come quello carcerario> conclude Nausica Sbarra, <è una scommessa che vogliamo vincere>

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.