Puglia. Alimentazione: parte il progetto di informazione e formazione promosso e sostenuto dalla Regione Puglia e realizzato da Adiconsum Puglia attraverso la rete degli sportelli territoriali

23 marzo 2017. E’ al nastro di partenza il programma di attività previsto nell’ambito del progetto regionale ‘Puglia Informa Alimentazione’, adottato con delibera di Giunta Regionale, denominato ‘Informo, Assisto, Tutelo IAT’, che prevede, tra le altre cose, incontri con alunni delle scuole primarie pugliesi. Cominciando da Brindisi, il 24 Marzo presso l’istituto comprensivo ‘Bozzano’ a cui seguiranno altri istituti scolastici della regione sui temi che riguardano la corretta alimentazione con particolare riferimento alla dieta mediterranea. Il progetto proseguirà con la divulgazione di informazioni sul credito al consumo, risparmio energetico, tutela del consumatore nel mercato dell’energia in vista della liberalizzazione del settore. A tal proposito sono previsti incontri di sensibilizzazione con i cittadini/consumatori ai quali verranno proposte notizie utili e brochure illustrative presso i maggiori centri commerciali della Puglia già da venerdì 24 marzo a Foggia nella galleria Mongolfiera. Si prosegue sabato 25 Marzo a Lecce presso il centro commerciale LECLERC di Cavallino, a Bari presso la galleria Mongolfiera Ipercoop di Japigia, aTaranto presso galleria IPERCOOP e a San Pietro Vernotico nel centro commerciale EuroSpin. Si potranno ricevere tutte le informazioni sul progetto rivolgendosi agli sportelli di Adiconsum Puglia i cui indirizzi sono disponibili sul sito www.adiconsumpuglia.it Le attività di informazione ai consumatori sul progetto prosegue sino a tutto il mese di settembre 2017. Gli interventi rientrano nel programma generale finanziato dalla Regione Puglia con risorse ministeriali (ai sensi dell’art.7, c.6 DD 24 /02/2016). “Gli incontri previsti dal progetto – osserva Giovanni d’Elia presidente regionale di Adiconsum – saranno utili per orientare i consumatori in settori dove maggiormente si annidano pratiche commerciali scorrette, truffe e raggiri soprattutto verso le categorie più fragili come la popolazione anziana”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.