Sardegna. Fit Cisl: Urgente riordino del sistema delle concessioni

Sardegna, 29 marzo 2017. 57 concessioni regionali per il TPL Cinquantadue aziende private, 4 pubbliche per il servizio urbano, 1 ( Arst) per il servizio extraurbano sono obbiettivamente troppe per una regione come la Sardegna con poco più di 1.600.000 abitanti. La Toscana, con oltre 6 milioni di residenti, si affida, per il trasporto pubblico su gomma, a una sola azienda Valerio Zoccheddu, nella relazione con cui, ieri pomeriggio, ha aperto i lavori del congresso regionale, ha delineato la situazione del TPL . “La Sardegna, a differenza di altre regioni, ha le aziende pubbliche di TPL con i conti in ordine che offrono mediamente una buona qualità di servizi, con alcune punte di eccellenza. L’indeterminatezza del futuro – ha detto il sindacalista - ha però un peso rilevante sulle scelte industriali delle aziende. L’ARST con 2100 dipendenti e circa 900 bus, in parte da rottamare, e il rimanente da sostituire nei prossimi 4/5 anni, in assenza di conoscere il proprio futuro dal 2019, non è in grado di produrre un piano industriale e tanto meno di pianificare un programma pluriennale di investimenti per interventi di manutenzione straordinaria degli impianti e per la sostituzione dei mezzi, in quanto l’accesso al finanziamento bancario diventa improponibile senza certezze di futuro a medio/lungo periodo”. “Per il Trenino Verde l’ARST è testimone passivo in attesa che chi governa le dica ciò che deve fare”, ha aggiunto Zoccheddu, che auspica “un’unica azienda regionale, eventualmente frutto di un consorzio tra le attuali pubbliche e private”. Il sindacato chiede, al di là delle architetture societarie, tre garanzie: 1) I posti di lavoro di tutti gli addetti al TPL, 2) Quantità e qualità di servizio di trasporto sia urbano che extraubano con particolare attenzione ad assicurare il diritto alla mobilità per i residenti nelle zone interne; 3) Il coinvolgimento delle istituzioni locali nell’individuazione dei servizi minimi da garantire.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa