Toscana. A Firenze il 5 e 6 Aprile il Congresso della Funzione Pubblica Cisl della regione

Firenze, 4 Aprile 2017 - “Pubblico Impiego e Servizi Pubblici: Le professioni a servizio del Bene Comune” il tema al centro del Congresso della Fp-Cisl Toscana  che si terrà a Firenze il 5 ed il 6 Aprile. 90 mila i lavoratori pubblici nella regione che si trovano a "fare i conti con i tagli e l’incapacità di politica e dirigenza a riformare la macchina pubblica, per farli lavorare meglio e dare servizi migliori ai cittadini". 

Settantasette delegati in rappresentanza di oltre 16 mila iscritti dei 10 territori provinciali della pubblica amministrazione e del privato sanitario e sociale, si ritrovano al Centro studi nazionale Cisl (via della Piazzola 71, Firenze) dal pomeriggio del 5 aprile, per parlare e dibattere delle sfide, dei problemi e delle prospettive del lavoro pubblico in Italia e nello specifico nella nostra regione.
Ai lavori saranno presenti il commissario nazionale Cisl Funzione Pubblica, Maurizio Petriccioli e il segretario generale della Cisl Toscana Riccardo Cerza.
Il Congresso si aprirà alle 14,30 di Mercoledì 5 con la relazione del segretario generale uscente della Fp Toscana, Marco Bucci.
“Si tratta di una fase complicata – dice Bucci - nella quale il sindacato del pubblico impiego e la Fp-Cisl hanno dovuto contrastare attacchi indiscriminati e luoghi comuni, tagli lineari ai servizi pubblici ed un blocco nel rinnovo dei contratti nazionali che è inaccettabile. Sono stati anche gli anni in cui la Fp-Cisl per prima ha lanciato una sfida importante alla politica e alla dirigenza del pubblico impiego, per riformare la pubblica amministrazione e renderla più vicina ai bisogni dei cittadini, più produttiva ed efficiente, in grado di stare al passo con i tempi e con le sfide che il nostro Paese e la nostra regione hanno davanti.”
“A oltre 7 anni dall’inizio del blocco del rinnovo del contratto nazionale milioni di lavoratori pubblici, oltre 90 mila in Toscana – continua Bucci - hanno perso sul potere di acquisto fra i 2500 e i 4000 euro annui. Se a questo si aggiunge una situazione di pesantezza crescente nei luoghi di lavoro per effetto dei tagli e del blocco del turn over (l’età media dei dipendenti pubblici è ormai sopra i 53 anni) le preoccupazioni della Cisl non possono che aumentare".

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa