Campania. Cgil, Cisl e Uil firmano con la Regione il protocollo d’intesa su “Confronto e monitoraggio della realtà economica, produttiva ed occupazionale della Campania”

Napoli, 13 aprile 2017. L’accordo sottoscritto oggi tra Regione e parti sociali realizza appieno l’impostazione culturale della Cisl della partecipazione responsabile ai processi e impone a tutta la filiera istituzionale un ruolo di maggiore protagonismo attivo. E’ quanto ha dichiarato Piero Ragazzini, commissario della Cisl Campania a margine dell’incontro in cui Regione, Cisl, Uil, Cgil,alla presenza del ministro della Coesione Territoriale e del Mezzogiorno Claudio De Vincenti, hanno sottoscritto il protocollo d’intesa su “Confronto e monitoraggio della realtà economica, produttiva ed occupazionale della Campania”. L’obiettivo delle parti è determinare le condizioni per garantire l’attrattività del territorio attraverso incrementi di produttività e competitività dei sistemi di produzione, valorizzando il Piano Industry 4.0, e dando piena attuazione ai contenuti del Patto per la Campania.Tutto ciò passa attraverso la responsabilità partecipata dei soggetti quali la Regione Campania, il Sindacato Confederale, il Sistema delle Imprese, al fine di attivare una “filiera di sistema”, che realizzi il pieno accordo interassessoriale e interistituzionale. “L’accordo – prosegue Ragazzini - diventa ancora più rilevante se si considera il particolare momento storico che sta vivendo il territorio campano dove creare lavoro deve diventare la priorità e sapendo che si deve trattare di una occupazione stabile sostenuta da una crescita complessiva dell’attività economica, incentivata con strumenti adeguati e non forzata attraverso espedienti di breve durata. Puntare sul Mezzogiorno significa innanzitutto investimenti in infrastrutture, ricerca e innovazione con progetti industriali importanti sia nel manifatturiero che nel commercio, cultura e turismo. Ora si tratta di tramutare i contenuti dell’accordo in azioni specifiche e operative e gli investimenti in lavoro e su questo l’iniziativa congiunta ed il protagonismo delle parti sociali può rappresentare un valore aggiunto importante a sostegno del rilancio dell’economia del Mezzogiorno. Su questo la Cisl incalzerà le istituzioni territoriali e la loro volontà di adoperarsi fattivamente per utilizzare tutti gli strumenti da mettere in atto per favorire il rilancio. Per questo quanto prima è necessario, così come convenuto nell’accordo, calendarizzare incontri specifici presso la Regione per condividere soluzioni alle vertenze individuate e monitorare l’avanzamento delle iniziative istituzionali che saranno messe in campo.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.