Piemonte. Cisl: Parcheggi deserti a Serravalle Scrivia, segnale di protesta

Piemonte, 15 aprile 2017. I parcheggi deserti, è forse l'immagine-chiave più eloquente di questa mattina, una mattina di protesta, ma anche piena di colori e musica, che ha visto protagonista la nostra manifestazione unitaria per migliorare le condizioni di lavoro delle lavoratrici e lavoratori dell'Outlet di Serravalle Scrivia (AL) e di tutta la vasta area commerciale circostante, iniziativa che va a rafforzare le due giornate di sciopero programmate per oggi e domani. Dalle 9 alle 13 abbiamo bloccato il tratto della provinciale 35 bis dei Giovi compreso tra le due rotonde, impedendo quindi l'accesso all'area commerciale, mentre al termine della mattinata una delegazione di lavoratrici e lavoratori hanno incontrato la direzione dell'#Outlet per evidenziare non solo quello che no va, ma per tentare di avviare un #dialogo, che ad oggi non c'è mai stato. Oggi abbiamo rappresentato la condizione di migliaia di lavoratori spesso "#invisibili", tra cui molti precari, abbiamo fatto sentire la voce di chi ha sempre avuto grandi difficoltà a farsi ascoltare. Oggi abbiamo scritto la prima pagina, il primo passo di una lunga serie, ci auguriamo, una #battaglia che speriamo possa trainare molti altri centri commerciali in tutta Italia. Questo è il nostro auspicio, perchè le condizioni di lavoro e soprattutto la flessibilità va contrattata. Post con foto: https://www.facebook.com/cislalessandriasti/posts/1696983960598269 intervento Cristina Vignolo seg gen Fisascat Al At: https://www.facebook.com/cislalessandriasti/videos/1696997547263577/ intervento video Ferraris Seg gen Cisl Piemonte e Sergio Didier, Seg. gen. Cisl Alessandria-Asti: https://www.facebook.com/cislalessandriasti/videos/1696867787276553/ Se avete la possibilità vi chiediamo di condividere ns post anche sui Vs social al fine di dare massima diffusione. Ricordo anche ns focus su sito Ust: https://www.cislpiemonte.it/alessandria-asti/protesta-lavoratori-outlet-serravalle/ Ovviamente erano presenti molte televisioni nazionali e quindi molti tg che hanno dedicato servizi alla mobilitazione.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.