Toscana. Fim Cisl regionale: rafforzare e sviluppare il distretto produttivo del Camper

Firenze, 20 aprile 2017. La Fim-Cisl Toscana, il 21 aprile a Poggibonsi (Siena), ha organizzato dalle 9.30 un convegno sul più importante distretto produttivo del Camper Italiano presente tra le province di Siena e Firenze. “ SI, Viaggiare ….. Sviluppo e occupazione nel distretto del Camper” è il titolo dell’iniziativa che vedrà la presenza al dibattito coordinato dalla giornalista del sole 24ore Filomena Greco, Alessandro Beccastrini Fim-Cisl Toscana Simone Niccolai Presidente Associazione Produttori Caravan e Camper, Alessandro Sannia Fiat Professional, Enrico Rossi presidente Regione Toscana, Simona Bonafè Eurodeputato Partito Democratico, Ferdinando Uliano, FIM-CISL. Interverranno inoltre Andrè Miethe, A.D. di Laika Caravans,
Paolo Bicci, A.D. di Gruppo Trigano e Sea Autocaravan, Sabrina Niccolai A.D. di Luano Camp,
Pierluigi Alinari A.D. di P.L.A. Al confine tra le province di Siena e Firenze si trova il più importante distretto dei Camper e Autocaravan, tanto da pesare l'80 per cento della produzione nazionale. Nel giro di pochi chilometri immerse nelle splendide colline sono presenti le aziende di produzione dei marchi più importanti e occupano direttamente oltre 1.500 lavoratori, a cui aggiungere altrettanti nelle aziende dell’indotto. Un made in Italy al 100%, dagli allestimenti agli autoveicoli utilizzati, provenienti dalla Fiat Professional Sevel di Val di Sangro. E’ un settore che nel periodo 2008-2014 ha rischiato di sparire dopo il crollo del mercato interno passato da 14.000 Camper venduti nel 2007 a poco più di 3.300 nel 2014. Sono stati anni in cui i lavoratori hanno subito riduzioni occupazionali e l’urto degli ammortizzatori sociali, dentro a procedure concorsuali che hanno ridefinito anche gli assetti produttivi e societari Il 2015 e il 2016 sono stati gli anni della ripartenza, con una crescita della produzione di oltre il 50% già nel primo anno e con effetti positivi anche occupazionali, ad oggi non sono presenti situazioni di ammortizzatori sociali e le aziende hanno ripreso ad assumere e l’occupazione è aumentata. Il 2016 ha confermato con oltre 15.000 unità la crescita produttiva con un +22%, quasi raddoppiando il dato produttivo del 2014. La Fim-Cisl di Toscana ritiene fondamentale affrontare le questioni più rilevanti relative allo sviluppo di questa importante realtà economica dell’industria della nostra regione e per questo ha chiamato intorno ad un tavolo a discuterne, le aziende produttrici del settore, le istituzioni e la politica, insieme al sindacato. Il nostro obiettivo – dichiara il segretario generale della Fim Cisl Toscana Alessandro Beccastrini - è quello di costruire con tutti le condizioni di sistema che possano consentire di rafforzare e sviluppare ulteriormente in termini produttivi e occupazionali il distretto produttivo della camperistica più importante del nostro paese.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa