Sardegna. Mobilitazione unitaria Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Rua e Snals, dei Dirigenti Scolastici regionali

Cagliari, 26 maggio 2017. “Come ampiamente preannunciato si è svolta il 25 maggio 2017, nel plesso scolastico di via Piceno a Cagliari, l’assemblea regionale unitaria Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Rua e Snals, dei Dirigenti Scolastici della Sardegna. Si è trattato di un’assemblea partecipata e vivace nella quale si sono dibattuti i temi della mobilitazione nazionale. Sono stati analizzati i risultati della mancata partecipazione alla conferenza di servizio convocata dal Direttore Scolastico Regionale lo scorso 22 maggio. Dopo il rifiuto del Direttore a revocare la conferenza di servizio sono stati più di 80 i Dirigenti che hanno disertato quella conferenza in segno di protesta e in ossequio alla mobilitazione nazionale. Nello stesso giorno sono state consegnate le diffide sul tema dello stress correlato e sulla valutazione classificatoria, tramite legale. Dopo un’appassionata discussione si è approvato un elenco di rivendicazioni territoriali che, di fatto, potrebbero costituire la base di un CIR sulle relazioni sindacali relativo all’area V, oggi assente in Sardegna. Tra queste la richiesta al Direttore di astenersi da atteggiamenti sanzionatori nei confronti dei Dirigenti che hanno disertato la conferenza di servizio. Al termine dell’Assemblea una folta delegazione costituita dai segretari Regionali della Flc Cgil e della Cisl Scuola, dai rappresentanti dello Snals e da vari Dirigenti Scolastici provenienti da tutta la Sardegna è stata ricevuta dal Direttore Scolastico Regionale. Nell’incontro sono stati illustrati i temi della mobilitazione nazionale dei Dirigenti Scolastici cui hanno aderito le organizzazioni sindacali e i Dirigenti Scolastici della Sardegna. Mentre sui temi nazionali da parte del Direttore Scolastico Francesco Feliziani c’è stata piena condivisione e comprensione delle difficoltà affrontate dai Dirigenti, la discussione riguardante i temi regionali è diventata ovviamente più impegnativa ed accesa. Chiarite le proprie posizioni si è però convenuto di riprendere la discussione in un tavolo specifico che metta le basi ad un Contratto Integrativo Regionale sulle relazioni sindacali. Le organizzazioni esprimono la loro soddisfazione sull’andamento dell’incontro e sulla previsione del tavolo per il contratto sulle relazioni sindacali. In questa occasione viene però espressa una viva preoccupazione per quanto riguarda la notizia delle 70 reggenze da affidare nel prossimo anno scolastico in Sardegna. La grande mobilitazione, in atto da parte dei Dirigenti Scolastici in tutta l’Italia, ha consentito di aprire canali di dialogo con l'Amministrazione e con il Governo. Dall’incontro, svoltosi ieri al MIUR, i primi risultati di seguito sintetizzati: - Si è ottenuto di evitare gli esiti classificatori della valutazione, - Sarà aperto un confronto sull'Atto di indirizzo per il rinnovo contrattuale, con date certe, - Sarà aperto un tavolo per la semplificazione, - Verrà finanziato il FUN con 10 milioni di euro (una tantum), - Assunto l'impegno per armonizzare la situazione retributiva, - Avviare le necessarie azioni per lo stress da lavoro”. Così in un comunicato congiunto Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal rerionali

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.