Marche. Manifattura italiana tabacchi Chiaravalle: scongiurato il rischio di fallimento

 
Ancona, 22 Giugno 2017. In questi mesi  grazie al costante impegno degli organi direttivi, delle maestranze  e grazie alla  nuova gestione di MIT Spa - Manifattura italiana tabacchi, l'azienda ha ripreso in pieno l'attività produttiva incrementando di  10 unità i lavoratori attualmente in forza. Nel contempo la piena ripresa lavorativa ha fatto si che l’uso degli ammortizzatori sociali (contratto di solidarietà )  si sia interrotto già da gennaio 2017 . 
Fai Cisl  Flai Cgil Uila Uil, dopo gli incontri avuti con la proprietà di  -  seguono con particolare attenzione il percorso di risanamento e di rilancio  intrapreso dall'azienda ormai  dal mese di Ottobre 2016.  L'attuale gestione  ha superato una  delicatissima fase scongiurando il  rischio di un  fallimento immediato della società che avrebbe portato alla chiusura dell'attività e alla perdita di oltre 80 posti di lavoro.
La procedura di concordato preventivo che l'azienda ha intrapreso costituisce una garanzia di mantenimento dei livelli occupazionali attuali e di tutela di uno stabilimento produttivo che rappresenta una fonte di reddito essenziale per centinaia di famiglie - considerando anche l'indotto - del nostro territorio.
Per questi motivi Fai Cisl  Flai Cgil Uila Uil invitano l'attuale proprietà a proseguire il percorso già avviato con la procedura di concordato preventivo in continuità aziendale e si conferma il pieno sostegno dei lavoratori per il completamento degli obiettivi di risanamento di MIT, in parte già realizzati. 
Fai Cisl  Flai Cgil Uila Uil  auspicano  inoltre, che anche gli organi giudiziali e il Tribunale chiamati a vigilare e a decidere sulla procedura di concordato preventivo possano positivamente giudicare gli sforzi già intrapresi dall'azienda e da tutti gli addetti e salvaguardare il prevalente interesse dei lavoratori e della loro occupazione .
 
 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.