Emilia Romagna. Propack di Ostellato venduta ad ALPLA GROUP. I sindacati chiedono un incontro sul piano industriale

18 Luglio 2017 -  Qualche giorno fa è stata ultimata l’acquisizione dello stabilimento Propack di Ostellato da parte dell’Alpla, uno dei più grossi gruppi internazionali di packaging plastico. Lunedì 24 la nuova dirigenza incontrerà i lavoratori Propack per presentarsi e illustrargli le loro intenzioni. 

“Ovviamente anche noi Segretari dei sindacati rappresentativi nella struttura (Filctem Cgil e Femca Cisl) richiederemo un incontro” Affermano Luigi Baiano e Fausto Chiarioni “per capire meglio il piano d’investimento effettuato sull’azienda di Ostellato e le sue eventuali ripercussioni occupazionali. Anche se le prospettive appaiono ad un primo sguardo abbastanza buone, il gruppo è solido e leader europeo del packaging plastico, esperti dell’imballaggio e quindi dello stesso settore della Propack che produce flaconi per detersivi.”
“La famiglia Scapoli ha tenuto viva la Propack ad Ostellato nonostante il cuore della produzione dell’azienda (Biochimica S.p.a.) sia dislocata a Zola Pedrosa nel Bolognese, per questo motivo logistico credo si possa capire la scelta strategica di vendere ma di restare comunque per circa 5 anni cliente proprio della Propack, che continuerà a produrre per Biochimica assicurando continuità alla produzione.”
“A noi interessa” conclude Baiano Segr. Gen. Femca Cisl Ferrara ”instaurare un rapporto franco con l’Alpla fin da subito, sappiamo che ha anche altri stabilimenti in Italia e più di 150 in tutto il mondo (quasi ventimila dipendenti) quindi non proprio dei novelli imprenditori, anche perché crediamo che Ostellato possa essere davvero strategica per il gruppo sia per la sua posizione geografica sia per l’esperienza dei lavoratori Propack nelle loro mansioni”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.