Lazio. Sindacati e Associazioni: subito un tavolo su sicurezza e legalità

Roma, 27 luglio 2017 - "Sollecitare le istituzioni sul problema della legalità e della sicurezza nelle periferie romane e la convocazione urgente di un tavolo su questi temi da parte della Prefettura alla presenza di Comune, Regione, Questura", l'intento del presidio, svoltosi ieri pomeriggio a Tor Bella Monaca, organizzato da CGIL Roma e Lazio, CISL Roma Capitale Rieti, UIL Roma e Lazio insieme ad Acli Roma e provincia e Acli Lazio, Anpi Roma, Arci Roma e il Coordinamento di Libera di Roma.  “Purtroppo molte delle periferie romane, a causa anche della crisi economica che ha impoverito fasce di popolazione sempre più ampie, - sottolineano  Cgil, Cisl e Uil in una nota congiunta - assistono impotenti ad un degrado crescente che non garantisce più il principio della convivenza e il rispetto delle garanzie democratiche per tutti i cittadini onesti che le abitano. Aggressioni ai danni di cittadini extracomunitari, mancanza di lavoro, discariche abusive, roghi tossici, occupazioni illegali delle case popolari, degrado e abbandono del territorio, mancanza totale dei servizi a partire dal trasporto pubblico locale, presenza diffusa della criminalità organizzata non fanno più notizia e alimentano una invasiva, capillare e strisciante strategia della tensione architettata ad arte da movimenti e forze politiche che, solo ed esclusivamente per i loro interessi, cavalcano la disperazione dei più deboli e aumentano il senso di impotenza e abbandono dei residenti. Siamo convinti però che le istituzioni e il mondo della politica non possano tollerare che interi quadranti della città siano abbandonati a sé stessi, quasi fossero ormai una ‘terra di nessuno’: il riscatto di quartieri, anche difficili, è possibile. Lo dimostra il caso di Scampia, un territorio che pur rimanendo ancora l’emblema della illegalità, dell’abbandono e del degrado, in realtà sta vivendo un importante progetto di riqualificazione, urbanistica e sociale. Solo una vero processo di rinascita che parta dal lavoro, dall’integrazione sociale e dalla riqualificazione ambientale e urbana possa sviluppare quei legami di solidarietà indispensabili per isolare chi alimenta razzismo, violenza e illegalità”.

 

 

 

 

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa