• InfrastruttureFurlan:

    Infrastrutture
    Furlan: "Urgente sbloccare i cantieri del Terzo Valico, della Tap e della Pedemontana. Il 30 Ottobre a Genova lanceremo le nostre proposte per far ripartire il Paese e gli investimenti"

    Continua...

  • Manovra Cgil Cisl Uil al Governo:

    Manovra
    Cgil Cisl Uil al Governo: "Nel Def mancano risposte incisive su crescita, lavoro, investimenti pubblici"

    Continua...

  • Lavoro Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive Sbarra:

    Lavoro
    Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive
    Sbarra: "Segnale di attenzione alla richiesta dei sindacati confederali"

    Continua...

  • Dal territorio

COMUNICATI STAMPA

Riders. Cgil, Cisl, Uil, riconvocare al più presto tavolo al ministero del Lavoro

Roma, 18 ottobre - “La trattativa avviata presso il ministero del Lavoro per dare ai riders tutele contrattuali e normative... continua

Lavoro. Sbarra: "Positivo calo cig ma in parte dovuto al superamento dei periodi massimi. Bene proroghe ammortizzatori, ora devono partire le politiche attive"

Roma, 18 ottobre 2018 - “Prosegue la riduzione della cassa integrazione: nei primi nove mesi dell'anno sono state autorizzati 162... continua

Manovra. Cisl a Ministra Lezzi: "Va garantita la clausola del 34  %  di investimenti per le regioni del Sud"

17 ottobre 2018 - "Una politica circolare, che rilanci effettivamente il Mezzogiorno rendendo più ricco il paese. Questo occorre avviare... continua

Povertà. Furlan: "Chi nasce povero ha meno possibilità di risalire ascensore sociale. Serve politica di crescita economica, sociale e culturale"

17 ottobre 2018 -  “Sono davvero preoccupanti i dati di oggi del Rapporto della Caritas  sull’aumento della povertà nel nostro... continua

Manovra. Furlan:"Troppo debole su investimenti, infrastrutture, innovazione, formazione. Condono fiscale non è certo pedagogico rispetto a lotta evasione"

16 ottobre 2018 - "È chiaro che bisognerà aspettare i testi della manovra per dare una valutazione compiuta. Ma da... continua

Labor TV

Manovra. Furlan: troppo debole su investimenti e infrastrutture

Guarda tutti i video

IN EVIDENZA

A PROPOSITO DI

  • "Se l'agenda delle infrastrutture non decolla", lettera aperta di Annamaria Furlan, 'Il Messaggero' 17 Ottobre 2018

    Furlan2018Le vicende emblematiche del Terzo Valico ferroviario in Liguria, del Gasdotto Tap in Puglia e della Pedemontana in Veneto sono la cartina da tornasole di un Paese che non sa decidere sul proprio futuro, incapace di valutare, senza pregiudizi ideologici, qualunquismo ed interessi di bottega, l'importanza degli investimenti pubblici in infrastrutture per la crescita e lo sviluppo complessivo del Paese. (...) E' lunghissima la lista delle opere in fase di realizzazione bloccate da ritardi amministrativi, veti della politica, ricorsi alla magistratura, appalti truccati, revisioni dei prezzi, campagne ideologiche. Parliamo di porti, acquedotti, dighe, raccordi stradali, ferrovie, fino alle scuole dei piccoli comuni. Di 37 opere strategiche programmate negli ultimi 15 anni, solo 11 sono arrivate al traguardo. Si stimano in 33 mila posti di lavoro ed in 75 miliardi di euro le ricadute che lo sblocco di queste opere pubbliche avrebbero sull'economia. Stare al Governo significa in primo luogo fare gli interessi generali del Paese e valutare con rispetto e senso di responsabilità anche le decisioni prese dagli Esecutivi precedenti in raccordo con l'Europa. 

FOCUS

ISCRIVITI ALLA CISL. INSIEME E' MEGLIO!

tesseramento 2018 orizzontale nologo lowres

Sindacato, contrattazione, tutela e rappresentanza. La persona, il luogo di lavoro, il territorio al centro dell'azione della CISL. Azione di prossimità. Siamo presenti su tutto il territorio con le Unioni sindacali territoriali e con la rete di servizi di assistenza, informazione e orientamento.  Dettagli

Iscriviti 

SCRIVI ALLA CISL

Inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo indirizzo email

Valore non valido

Inserisci il quesito

AggiornaValore non valido

Consenso privacy
 

Basilicata. Cisl regionale: “Trenitalia con i soldi della Basilicata dà lavoro a gente di altre regioni”

Potenza, 6 agosto 2017. Il 1 Agosto scorso, Regione Basilicata, utilizzando la direttiva europea 1370 del 2007 ha sottoscritto il contratto di servizio pubblico con Trenitalia fino al 2023, comprendendo nel anche gli anni 2014 e 2015 che erano rimasti scoperti – dichiara Carlo Costa responsabile dei trasporti della CISL di Basilicata -. Noi, per quanto più sindacalmente ci riguarda – prosegue Costa – riteniamo importante rilevare gli effetti della sottoscrizione del contratto sulla forza lavoro e sul tour over che si determinano per il territorio. Ed a riguardo è il caso di ricordare ai finanziatori del contratto, che nel 2010 gli impianti di Potenza contavano 33 macchinisti, oggi solo 12 e ben 30 capi treno oggi 15 che è tutto dire rispetto al mantenimento della forza lavoro locale. In questo ambito, mai nessuno si è cimentato con un fatto tutto Lucano, vale a dire Regione Basilicata, in qualità di committente, paga dei treni al servizio dei cittadini lucani ma la produzione degli stessi, non essendoci un impianto di produzione treni il loco, viene fatta da Bari, in sostanza dal macro impianto di produzione che seppur nella logica organizzativa può avere una coerenza, questa si scontra poi, con la minimale utilizzazione di personale Lucano. Potrebbe davvero sembrare utopistico – prosegue Costa – immaginare che tutti i treni Lucani, quelli rivenienti dalla sottoscrizione del contratto di servizio pubblico possano essere gestiti dal presidio di Potenza od anche da quello attuale, ma con lo scopo di poter ampliare l'organico con nuove assunzioni? Perché non prevedere un sistema che consenta ai giovani Lucani di lavorare in Trenitalia, certo l’attuale sistema di riferimento delle assunzioni non avvantaggia la nostra Terra se si pensa che già in molti godono del “nostro” Frecciarossa, pagato con 3.000.000,00 € dai lucani ma che parte da Taranto e arriva a Milano, senza alcun beneficio dal punto di vista occupazionale. Si conferma quindi quanto già evidenziato dal segretario generale della Cisl Basilicata, Enrico Gambardella, sul fatto che è difficile ravvisare nelle politiche della Regione provvedimenti orientati alla creazione di posti di lavoro. Ci ritroviamo quindi a vedere rinnovato un contratto di servizio pubblico, che sarebbe potuto essere ancora più importante se avesse affrontato con puntualità le questioni occupazionali di questa Terra – prosegue Costa – invece che badare alle questioni degli investimenti, anch’esse importanti, ma che non producono nessuna nuova occupazione per i Giovani Lucani. È il caso di ricordare quanto recentemente apparso sulla stampa anche locale circa i livelli di disoccupazione, ovvero, che la disoccupazione in Italia è in diminuzione, mentre quella Lucana è in netto aumento, proprio perché chi ha la responsabilità politica preferisce far finta che il problema non esiste neanche quando si è nella posizione di poter imporre scelte di prospettiva a noi favorevoli, un motivo per questo incomprensibile comportamento pur ci sarà. Certo poi, leggendo il comunicato post conferenza stampa – prosegue Costa - si evince che il contratto di servizio sottoscritto è un contratto atipico in un settore dove i ricavi da traffico sono stimati in percentuale e non detratti in base proporzionale al numero effettivo dei passeggeri paganti, sembrerebbe quasi un contratto a piè di lista, tanto criticato da eminenti esponenti della Giunta Pittella anche nel recente passato, ma poi messi in atto con estrema facilità !!! Un siffatto metodo di riscossione dei ricavi, avendo sempre Trenitalia la certezza del pagamento regionale del costo integrale del servizio, non spinge l'azienda a mettere in atto politiche efficaci sull’evasione del pagamento dei titoli di viaggio e quindi del potenziale utilizzo della forza lavoro addetta a tale scopo. Tutto questo è chiaramente in controtendenza a quanto previsto dal piano Regionale dei Trasporti, che mentre se ne invoca l’alto profilo strategico e rivoluzionario per il settore, poi viene messo da parte nei principi cardini, proprio da chi ne ha fatto un cavallo di battaglia politica in questi ultimi mesi, è evidente senza coglierne alcun risultato tangibile visto che egli stesso ne stralcia i contenuti. Vogliamo ricordare inoltre, - prosegue Costa - che con il decreto 50/2017, non sembra siano cambiate le regole di distribuzione del Fondo Unico Nazionale dei Trasporti, anzi, la distribuzione è stata resa ancor più difficile per le Regioni come la Basilicata che non raggiunge gli indicatori sulla premialità, e come ricordavamo al Presidente Pittella nella riunione del 16 Maggio scorso, con gli attuali dati, la Basilicata si vedrà costretta a perdere ogni anno circa 5.000.000,00 € se non si modificano gli assetti con i quali vengono erogati i servizi da parte dalle Società che svolgono tutti i servizi di Trasporto Pubblico Locale Regionale. A riguardo, riteniamo necessario richiamare a chi ha la responsabilità di sottoscrivere i contratti di servizio pubblico, che in una recente audizione del Presidente dell’Autorità di regolazione dei Trasporti Prof. Camanzi alla camera dei deputati di questo Paese, lo stesso ha affermato, - che lì dove si dovesse rilevare che vi sono accordi, contratti che non hanno la sostenibilità economico – finanziaria gli stessi devono essere trasformati ed effettuati con vettori diversi e meno costosi – un fatto avversato e criticato fortemente dal Segretario Generale della Fit-Cisl Nico Piras, per gli evidenti devastanti effetti sul Trasporto Ferroviario del Paese e in special modo quello delle regioni del SUD. Ora – prosegue Costa - noi siamo convinti, che i dati di rilevamento contenuti all’interno del sottoscritto contratto di servizio pubblico hanno in sé una coerenza finanziaria e di sistema come peraltro richiamato all’interno del Piano regionale dei Trasporti e quindi c’è da immaginare che il rapporto tra ricavi e costi del servizio raggiungano lo 0,35 %. Anche se da i primi dati, proprio quelli che riguardano il Piano regionale dei Trasporti, rileviamo che il coefficiente d’esercizio era all’incirca dell’11%, vorremmo conoscere come abbiano fatto in questo contratto a raggiungere il 35%, un mistero – prosegue il sindacalista - che presto leggeremo quando saremo in possesso del sottoscritto contratto. Così come siamo convinti – conclude Costa – che il trasporto pubblico locale regionale abbia bisogno di un provvedimento organico, di un provvedimento che guardi alle necessità delle comunità, soprattutto quelle interne, per evitare lo spopolamento che rimane il vero nemico dei servizi minimi regionali, quei servizi minimi che non potranno mai raggiungere quelle percentuali che consentano l’equilibrio dei costi, imposto dalle leggi nazionali, che non può certo significare l’eliminazione del servizio o la sostituzione con servizi a chiamata come continua irresponsabilmente ad affermare qualcuno. Da qui, esortiamo la Politica regionale, - conclude Costa – a lavorare con più attenzione ed in particolare per i Lucani, contribuenti ed utilizzatori principali del sistema.

CONQUISTE DEL LAVORO

copertina_conquiste_del_lavoro

Contratto rinnovato per i dipendenti del Sostentamento Clero

Salario, welfare contrattuale ed estensione delle tutele per le famiglie al centro dell’intesacon alta valenza sociale che interessa mille lavoratori...

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

CONQUISTE DEL LAVORO

Contratto rinnovato per i dipendenti del Sostentamento Clero

Salario, welfare contrattuale ed estensione delle tutele per le famiglie al centro dell’intesacon alta valenza sociale che interessa mille lavoratori...

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa