Lazio. Sfratti Casal bruciato: Sicet Cisl chiede incontro con Enasarco, Comune di Roma e Regione

Roma, 13 settembre 2017.  Al termine dell'incontro con l'Ater, il  Sicet di Roma ha rilasiato la seguente dichiarazione: “A seguito delle nostre pressanti richieste riguardanti l’emergenza sfratti delle 118 famiglie di Casal Bruciato a cui l’Ater ha chiesto di lasciare liberi gli alloggi di proprietà Enasarco, questa mattina si è svolto un incontro tra Ater e Sicet, che ha visto anche la presenza di una rappresentanza degli inquilini”. Così, in una nota, il Sicet Cisl di Roma e Lazio.“Si è comunemente rilevata la gravità del problema e delle conseguenze sociali non facili per le tante famiglie interessate, ed essendo diversi gli attori interessati (Ater gestore degli appartamenti, Enasarco proprietaria degli appartamenti, Regione Lazio responsabile delle Ater, Comune di Roma che deve sovraintendere al disagio abitativo), abbiamo chiesto di allargare il tavolo di confronto, fermo restando lo stop a qualsiasi azione da parte di Ater. Così come da noi auspicato e richiesto, l’Ater ha dichiarato di essere disponibile a partecipare a tavoli di confronto che coinvolgano anche la proprietà Enasarco, il Comune di Roma e la Regione Lazio, e per questo inoltreremo le specifiche richieste. Per la salvaguardia sociale di queste 118 famiglie, di cui tante con anziani e bambini, occorre che tutti si facciano parte diligente e attiva e, pur nei tempi stretti che la vicenda richiede, non lasceremo nulla di intentato”. 

 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.