Puglia. Le proposte della Cisl Taranto Brindisi per lo sviluppo dell’area industriale brindisina

Brindisi, 17 settembre 2017. “Nutriamo la certezza che l’incontro convocato il 18 settembre p.v. in Prefettura, del Tavolo per l’Area Industriale di Brindisi, con la presenza del Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti e del Viceministro del Mise Teresa Bellanova, costituisca rinnovata opportunità per l’intero territorio, riconoscendo noi agli autorevoli esponenti del Governo, senso di responsabilità e serietà comprovata. Come Cisl Taranto Brindisi osserviamo, rinfrancati dalla contestuale esperienza positiva del Contratto Istituzionale di Sviluppo (Cis) per Taranto, l’effettivo compiersi anche di una nostra proposta relativa all’istituzione di un Tavolo di Lavoro/Crisi per Brindisi formulata in occasione del nostro congresso territoriale il 13 e 14 marzo u.s.; così come successivamente abbiamo richiesto unitariamente un Tavolo attraverso la stesura di un documento sullo stato di crisi della provincia, consegnato alle Istituzioni ed allo stesso Ministro in occasione dell’incontro con i segretari generali delle tre confederazioni in Asi Brindisi il 26 maggio u.s. E’ importante quanto strategica, dunque, la scelta operata dal Governo per Brindisi, grazie anche alla rappresentanza parlamentare del territorio, giacché viene qui individuata una credibile possibilità “del fare” per dare slancio economico-sociale con il concorso di Istituzioni e parti sociali, in tal modo prefigurando una governance efficiente e organica alle politiche di sviluppo. Sarà importante nell’incontro, perciò, fare il punto sulla stato dell’arte in ordine ai progetti strategici per l’Area di Brindisi, come si è convenuto nella riunione del 20 luglio u.s. e quindi di Industrial Park; altrettanto essenziale sarà, tuttavia, far emergere le altre priorità relative alle vertenze complesse che attanagliano il territorio e che provocano continue emorragie occupazionali impoverendo ulteriormente il territorio. Guardiamo avanti ed operiamo tutti indistintamente per il bene comune, dunque! Sia considerato prioritario attivare nuove opportunità per uno sviluppo strutturale che coinvolga le tante aziende sane del territorio, in tal modo creando occupazione aggiuntiva e quindi benessere sociale, senza disperdere alcuna delle tante professionalità qualificate che qui esistono. E, certamente, servirà che tali nuove opportunità siano rafforzate dalle buone pratiche della partecipazione, della legalità, del confronto propositivo, della corresponsabilità di tutti, oltreché della capacità di progettazione e di spesa e senza sprecare neppure una minima parte delle risorse che sono e saranno disponibili. Brindisi con il suo territorio ha bisogno di recuperare il gusto di fare sinergia, per corrispondere alla diffusa speranza di futuro in particolare quello delle nuove generazioni. La Cisl Taranto Brindisi con tutte le sue Federazioni di categoria continuerà a spendere le proprie migliori energie per vincere, con il territorio e per il territorio, questa nuova, grande scommessa per lo sviluppo”.Così in una nota il segretario generale della Cisl Taranto Brindisi, Antonio Castellucci.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.