Puglia. Centenario della Polizia penitenziaria, sindacati Taranto: "manifestazioni sterili, gravissime le problematiche che affliggono il carcere di Taranto e del Paese"

27 Settembre 2017 - "Non è più possibile lasciare da soli nelle sezioni detentive i nostri colleghi, costretti ad occupare più posti di servizio contemporaneamente e, soprattutto nelle ore serali e notturne, a vigilare da soli su almeno 150- 200 detenuti. Tutti i sindacati di categoria, ritengono che non ci sia nulla da festeggiare, anzi queste manifestazioni risultano essere sterili, per chi quotidianamente deve confrontarsi con tanti problemi determinati proprio dalla carenza di Poliziotti Penitenziari e che con coraggio, serietà e professionalità fanno in modo che il sistema non crolli". Così in una nota congiunta i sindacati della Polizia Pemnitenziaria del carcere di Taranto comunicando che in occasione della celebrazione della festa del Corpo che coincide con il bicentenario della fondazione della polizia Penitenziaria non saranno presenti alla cerimonia che si terrà presso l’ex Convento di Sant’Antonio, in via Viola a Taranto, già sede in passato della casa circondariale.

"Le motivazioni di un gesto così importante  sono da ricercare nella completa indifferenza dell’Amministrazione penitenziaria alle gravissime problematiche che affliggono il carcere di Taranto e più in generale tutte le carceri del territorio nazionale" spiegano in una nota congiunta che così prosegue:

"Proprio per questo, tutti i sindacati in data 19 settembre mentre si celebrava a Roma la festa del Corpo di Polizia Penitenziaria alla presenza del capo dello stato e del ministro della giustizia, hanno manifestato in piazza Montecitorio denunciando una situazione al limite del collasso.
Le OO.SS. firmatarie di questo documento ed i Colleghi della casa circondariale di Taranto non hanno nulla da festeggiare, considerato che quotidianamente vengono lesi i diritti contrattuali con carichi di lavoro non più sopportabili, mentre l’attività lavorativa diventa sempre più pericolosa poiché aumentano vertiginosamente le aggressioni, le minacce ai Poliziotti ed al personale che lavora all’interno degli istituti penitenziari compreso quello ionico.
Non è più possibile lasciare da soli nelle sezioni detentive i nostri colleghi, costretti ad occupare più posti di servizio contemporaneamente e, soprattutto nelle ore serali e notturne, a vigilare da soli su almeno 150- 200 detenuti.
Tutti i sindacati di categoria, ritengono che non ci sia nulla da festeggiare, anzi queste manifestazioni risultano essere sterili, per chi quotidianamente deve confrontarsi con tanti problemi determinati proprio dalla carenza di Poliziotti Penitenziari e che con coraggio, serietà e professionalità fanno in modo che il sistema non crolli.
Invece di festeggiare le OO.SS. firmatarie di questo documento, chiedono all’Amministrazione penitenziaria di prendersi le dovute responsabilità e consentire ai Poliziotti Penitenziari di lavorare in un clima di serenità e sicurezza.
Le iniziative vertenziali continueranno finché non ci saranno risultati concreti “le nozze non si fanno con i fichi secchi”, la politica del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria sempre più sorda ai problemi dei Poliziotti Penitenziari deve cambiare rotta “la Polizia Penitenziaria non si tocca, giù le mani dai Baschi Azzurri.”
Domani 28 settembre dalle ore 9.00 alle ore 11.00 davanti alla casa circondariale di Taranto tutte le organizzazioni sindacali di categoria terranno un sit in. 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.