• Manovra Cgil Cisl Uil:

    Manovra
    Cgil Cisl Uil: "Inadeguata e carente di una visione del Paese.
    Al via le assemblee nei luoghi di lavoro con le controproposte del sindacato”

    Continua...

  • InfrastruttureFurlan:

    Infrastrutture
    Furlan: "Urgente sbloccare i cantieri del Terzo Valico, della Tap e della Pedemontana. Il 30 Ottobre a Genova lanceremo le nostre proposte per far ripartire il Paese e gli investimenti"

    Continua...

  • Manovra Cgil Cisl Uil al Governo:

    Manovra
    Cgil Cisl Uil al Governo: "Nel Def mancano risposte incisive su crescita, lavoro, investimenti pubblici"

    Continua...

  • Lavoro Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive Sbarra:

    Lavoro
    Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive
    Sbarra: "Segnale di attenzione alla richiesta dei sindacati confederali"

    Continua...

  • Dal territorio

COMUNICATI STAMPA

Manovra. Furlan: "Il Governo non ha scelto la strada della crescita. Speriamo di poterla cambiare con il confronto"

Roma, 23 ottobre 2018 - “Se l’Italia non cresce, non cresce l’occupazione e continueremo ad avere un allargamento della povertà... continua

Riders. Cgil, Cisl, Uil, riconvocare al più presto tavolo al ministero del Lavoro

Roma, 18 ottobre - “La trattativa avviata presso il ministero del Lavoro per dare ai riders tutele contrattuali e normative... continua

Lavoro. Sbarra: "Positivo calo cig ma in parte dovuto al superamento dei periodi massimi. Bene proroghe ammortizzatori, ora devono partire le politiche attive"

Roma, 18 ottobre 2018 - “Prosegue la riduzione della cassa integrazione: nei primi nove mesi dell'anno sono state autorizzati 162... continua

Manovra. Cisl a Ministra Lezzi: "Va garantita la clausola del 34  %  di investimenti per le regioni del Sud"

17 ottobre 2018 - "Una politica circolare, che rilanci effettivamente il Mezzogiorno rendendo più ricco il paese. Questo occorre avviare... continua

Povertà. Furlan: "Chi nasce povero ha meno possibilità di risalire ascensore sociale. Serve politica di crescita economica, sociale e culturale"

17 ottobre 2018 -  “Sono davvero preoccupanti i dati di oggi del Rapporto della Caritas  sull’aumento della povertà nel nostro... continua

Labor TV

Manovra: Annamaria Furlan ospite della trasmissione Radio Anch'io su Rai Radio1

Guarda tutti i video

IN EVIDENZA

A PROPOSITO DI

  • "Nessuna svolta sulla crescita, non si punta sugli investimenti" intervista ad Annamaria Furlan, 'Il Sole 24Ore' del 20 Ottobre 2018

    Furlan2018"Il lavoro è il grande assente, la manovra del Governo è debole ed iniqua. La scelta del Governo di sfidare l'Europa  portando al 2,4% il rapporto deficit-Pil non è legata a politiche espansive. Non si punta alla crescita e manca quella svolta che auspichiamo da tempo per dare una spinta agli investimenti". Lunedì agli Esecutivi unitari con Cgil e Uil presenteremo "un documento unitario che contiene una vera e propria manovra. Va cambiata l'impostazione. Serve una grande alleanza tra le forze produttive, tra imprese e lavoratori, per creare le condizioni  per un vero cambiamento della manovra. Bisogna tornare ai concetti base del Patto della fabbrica, all'affermazione della centralità del lavoro. Il fisco non è considerato come un elemento di equità, come una leva per promuovere il lavoro. Il maxicondono che depenalizza il riciclaggio rappresenta un segnale negativo. Bisogna combattere l'evasione. Il  Governo fa in tempo a cambiare, ad approvare una manovra in favore del lavoro. Quanto al reddito di cittadinanza, nella vaghezza della proposta, è ancora da capire come potrà concretizzarsi in misura di accompagnamento al lavoro. La quota 100? Una buona base di partenza ma resta fuori il tema delle donne che non arrivano a 38 anni di contributi. Bisogna anche affrontare il tema delle pensioni di garanzia per i giovani. E separare la previdenza dall'assistenza. Su questi temi serve un confronto, ma finora è mancato il dialogo.

FOCUS

ISCRIVITI ALLA CISL. INSIEME E' MEGLIO!

tesseramento 2018 orizzontale nologo lowres

Sindacato, contrattazione, tutela e rappresentanza. La persona, il luogo di lavoro, il territorio al centro dell'azione della CISL. Azione di prossimità. Siamo presenti su tutto il territorio con le Unioni sindacali territoriali e con la rete di servizi di assistenza, informazione e orientamento.  Dettagli

Iscriviti 

SCRIVI ALLA CISL

Inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo indirizzo email

Valore non valido

Inserisci il quesito

AggiornaValore non valido

Consenso privacy
 

Sardegna. Trasporto locale, convegno Fit Cisl a Cagliari. Ganga (Cisl regionale): "Tpl strategico per le politiche regionali"

Cagliari, 10 ottobre 2017 . “Il TPL per la Sardegna rappresenta un aspetto centrale per le politiche che dovranno essere messe in campo nell’isola". Così il segretario generale della Cisl sarda, Ignazio Ganga, oggi a Cagliari, nel corso della tavola rotonda "TPL 2019 :Che succede alle aziende sarde" organizzata dalla FIT Cisl sul tema, in una regione in cui il trasporto locale è una delle materie più rilevanti e urgenti per l’economia e la qualità della vita e la funzionalità del sistema Sardegna e tocca argomenti di ordine erariale, organizzativo, e ovviamente, trasportistico. Al centro soprattutto le aziende "maggiormente destinate a favorire la ripartenza dopo il lungo periodo di crisi e in particolare rispetto all’annoso problema dello spopolamento delle aree interne che vedono nel trasporto pubblico locale una delle leve più importanti per lenire l’attuale stato di sofferenza utile a rilanciare nuove azioni di sviluppo locale”.

Nel TPL sardo operano 4.000 operatori di cui 3.300 nel pubblico. “Quindi un’enorme fabbrica di produzione, di servizi e di lavoro – ha detto Il segretario generale della Cisl sarda, Ignazio Ganga durante la tavola rotonda di questa mattina, organizzata dalla FIT Cisl - tutt’altro che un Molok mangia soldi. E’ un sistema che contribuisce a generare crescita e benessere in quest’Isola.”

 Proprio per questo – ha aggiunto Ganga – “ ci piacerebbe discutere maggiormente con l’Assessore della pianificazione del TPL in termini di investimento piuttosto che di costo. L’approccio capovolto potrebbe rischiare di riportarci indietro così come accade sul tema riforme, maggiormente caratterizzato sulla sostenibilità economica anzichè sulla sostenibilità sociale”.

Il TPL pesa sul bilancio ordinario della Regione per il 95%, mentre per il 2% è a carico dello Stato e per il 3% a valere sull’Unione Europea.

La voce trasporti è al quarto posto tra quelle iscritte nelle spese del bilancio della Sardegna, dopo Sanità (3.333 mld/€ ), i Trasferimenti agli Enti Lo-cali (1,348 mld/€) e le spese per il funzionamento della struttura regionale (377 mil/€). Al quarto posto viene la mobilità, sia quella verso l’esterno dell’Isola meglio nota come (continuità territoriale) e quella interna .

Il totale della missione trasporti pesa sul bilancio sardo, nel suo complesso, intorno all’8% del valore (esattamente 7,7% nel 2017).

Il TPL incide intorno al 3% dell’intera spesa regionale e per il 38% sulla missione 10 (l’attuale capitolo di bilancio armonizzato) che in termini assoluti riscontra una cifra che, fra spese correnti e spese in conto capitale, è stata di:

  • 234 mil/€ nel 2015;
  • 240 mil/€ nel 2016;
  • 249 mill/€ nel 2017;
  • cifra confermata sulla finanziaria per il 2018.

Va detto, inoltre, che le risorse bilanciate in conto capitale, e quindi a sostegno degli investimenti per lo più indirizzate al potenziamento e al rinnovo dei mezzi, registrano mediamente oltre 20 mil/€ (27 mil/€ nel 2017).

Alle predette somme si aggiunge il peso della continuità territoriale il cui valore si aggira intorno ai 60 mil/€ (il bilanciato per il 2017 è stato di 57,5 mil/€);

Altre voci sono quelle per il trasporto verso e dalle Isole minori: pari a 11 milioni, anch’esso inserito nel pacchetto pattuito con lo Stato a carico dei Sardi nel 2006.

Alla tavola rotonda, coordinata dal giornalista Francesco Birocchi, hanno partecipato l’Assessore regionale Carlo Careddu, l’amministratore unico Arst Chicco Porcu, l’assessore alla mobilità dell’area metropolitana di Cagliari, Fabrizio Marcello, Roberto Murru presidente e direttore generale CTM, Matteo Baire presidente regionale ANAV, Ignazio Ganga segretario generale Cisl Sardegna e Valerio Zoccheddu segretario generale Fit,-Cisl che ha introdotto i lavori con una relazione sulla questione trasporti in Sardegna. Conclusioni di Antonio Piras, segretario generale FIT nazionale.

"Entro il 2 dicembre 2019 si dovranno stabilire gli ambiti ottimali da destinare alla concessioni TPL e quali modalità di concessione: gara internazionale, gara per cessione di quote, affidamento diretto in house" ha dichiarato dalla sua Valerio Zoccheddu, segretario generale FIT Cisl Sardegna nel suo intervento. La Cisl ritiene che le decisioni delle istituzioni dovranno garantire un servizio efficiente di mobilità e di qualità riservato alle persone; un’offerta di trasporto uniforme in tutto il territorio evitando l’isolamento delle zone interne; mantenimento dei 4000 posti di lavoro attualmente impiegati tra pubblico e privato; investimenti necessari al rinnovo graduale dell’intero parco mezzi e degli impianti, sia per il gommato sia per le ferrovie concesse" ha concluso.

CONQUISTE DEL LAVORO

copertina_conquiste_del_lavoro

Manovra, sindacati: mancano sviluppo e lavoro

Cgil Cisl e Uil riuniscono gli esecutivi unitari e presentano proposte comuni. Duro giudizio su flat tax e condono...

Contratto rinnovato per i dipendenti del Sostentamento Clero

Salario, welfare contrattuale ed estensione delle tutele per le famiglie al centro dell’intesacon alta valenza sociale che interessa mille lavoratori...

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

CONQUISTE DEL LAVORO

Manovra, sindacati: mancano sviluppo e lavoro

Cgil Cisl e Uil riuniscono gli esecutivi unitari e presentano proposte comuni. Duro giudizio su flat tax e condono...

Contratto rinnovato per i dipendenti del Sostentamento Clero

Salario, welfare contrattuale ed estensione delle tutele per le famiglie al centro dell’intesacon alta valenza sociale che interessa mille lavoratori...

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa