Toscana. Malattie professionali: calano le denunce nella regione

Firenze, 30 Settembre 2015 - Leggero calo di malattie professionali denunciate in Toscana nei primi sette mesi dell'anno, ma un dato che resta tra i più alti d'Italia: da gennaio a luglio 2015 sono state 4760 a fronte delle 4792 dello stesso periodo 2014, con il dato nazionale che nei primi sette mesi 2015 arriva a 36.843.
Un nemico subdolo, quello costituito dalle malattie professionali, perché lento a manifestarsi e dunque spesso sottovalutato. Per questo l'Inas, il patronato della Cisl, lancia il portale www.malattieprofessionali.it, interamente dedicato a questo fenomeno.
"Spesso - dice il responsabile Inas della Toscana, Marco Manfredini - non si è coscienti che i rischi in azienda non sono legati solo a cadute da un'impalcatura o all'utilizzo di macchinari pericolosi. L'esposizione a sostanze nocive, la ripetitività di alcuni movimenti, l'inalazione di polveri, possono danneggiare l'organismo in maniera anche grave. Conoscere i potenziali pericoli della propria professione è il primo modo per tutelare la propria salute e fare prevenzione."
Per questo gli esperti dell'Inas hanno messo a punto uno strumento di prevenzione on-line, semplice e accessibile a tutti, centrato su un test interattivo che -in pochi minuti- consente di scoprire i rischi specifici del proprio lavoro, i sintomi e le eventuali patologie correlate. Ci sono poi sezioni con tutte le novità sul tema, strumenti di interazione con gli esperti del patronato Inas, video inchieste, rubriche e molti altri contenuti per capirne di più.
In Italia le denunce di malattie professionali negli ultimi anni sono aumentate: nel 2014 sono state 57.391, il 10,6% in più rispetto al 2013 e il 33% in più rispetto al 2010. "Ma la strada da fare per un'inversione di tendenza - spiega Manfredini - è ancora lunga. Lo dimostrano le forti differenze territoriali esistenti in Toscana, frutto non solo di condizioni differenti ma anche di differenti sensibilità e consapevolezza sul territorio. Una controprova arriva dal numero piuttosto basso di denunce presentata da lavoratori stranieri: 261 nel 2015, segno di una minore coscienza del pericolo."
Nei primi sette mesi del 2015 le malattie professionali denunciate sono state 1082 in provincia di Pisa, 1075 a Lucca, 635 a Livorno, 439 a Massa Carrara, 470 a Arezzo, 364 a Firenze, 256 a Grosseto, 193 a Pistoia, 161 a Siena, 85 a Prato.
Le patologie più diffuse sono quelle del sistema osteomuscolare (2788 denunce), seguite dal sistema nervoso (706), malattie dell'orecchio (302) e sistema respiratorio (197).

Ufficio stampa Cisl Toscana

Leggi anche:

Toscana. Bugiani (Cisl): Toscana. Bugiani (Cisl): "Prato necessita di una Casa della salute"
Prato, 3 novembre 2017. E' stata appresa dal piano regolatore dei servizi territoriali, la volontà della zona distretto dell’Area Pratese di...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa