Sicilia. Regione, lettera di Cgil, Cisl, Uil ai candidati alla Presidenza per sollecitare "impegni precisi" su lavoro, sviluppo, povertà, legalità

Palermo, 12 ott -  “È un quadro drammatico" per i sindacati quello della Sicilia dove negli ultimi otto anni sono andati perduti 120 mila posti di lavoro e dove la disoccupazione giovanile è al 57%. Una regione che ha visto crescere il disagio sociale e di fronte al quale non c’è stata finora un’iniziativa politica capace di invertire la rotta". Cgil, Cisl e Uil Sicilia inun documento inviato a tutti i candidati alla presidenza della Regione, chiedono pertanto "impegni precisi" su quelle che sono le priorità per la regione, quali: lavoro e sviluppo, occupazione giovanile, infrastrutture, iniziative contro le disuguaglianze sociali e contro la povertà, legalità, risanamento dei conti, riforme. È chiaro che ci vuole una svolta e questa svolta chi sarà eletto dovrà garantirla” sottolineano i segretari  di Cgil, Cisl, Uil  Sicilia , Michele Pagliaro, Mimmo Milazzo e Claudio Barone  chiedendo anche  confronto su questi temi  a tutti i candidati alla presidenza della Regione . Alla chiamata dei sindacati hanno già risposto Claudio Fava, Fabrizio Micari e Nello Musumeci. Con loro i primi incontri. Il confronto con Fava si terrà il 16 ottobre alle 10 presso la Uil di Catania (via Antonio di San Giuliano 365). Quello con Micari il 21 ottobre a Palermo nella sede della Cgil regionale, in via Bernabei 22. Con Musumeci i sindacati si incontreranno il 27 ottobre alle 10,30 nella sede della Cisl regionale, in piazza Castelnuovo 35 a Palermo.

 

 

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa