Puglia. Agroalimentare: "Al via mobilitazione nazionale e raccolta firme"

Bari, 27 ottobre 2017. Al via anche in Puglia la mobilitazione della Fai Cisl a sostegno di un'agenda di riforme su previdenza, occupazione, retribuzioni e contrasto allo sfruttamento nei comparti agroalimentari e ambientali. L’iniziativa della Federazione Agricola Ambientale della Cisl prevede una raccolta firme su tutto il territorio nazionale e, sabato 28 ottobre, una giornata di manifestazioni, presidi e sit-in di fronte alle Prefetture. I lavoratori e delegati pugliesi si sono dati appuntamento, a partire dalle 10:00, davanti le Prefetture di Bari (dove confluiranno anche i lavoratori della Bat), di Brindisi, Foggia, Lecce e Taranto per sollecitare una riforma che punti ad abbassare l'età pensionabile dei lavoratori agricoli, degli addetti imbarcati della pesca, degli operai alimentaristi, del comparto forestale e della bonifica, riconoscendo loro lo status di lavoro usurante. Nella piattaforma della Fai previsti ammortizzatori sociali rafforzati e davvero universali, pure per le aziende sotto i quindici dipendenti, con il riconoscimento della disoccupazione agricola anche ai lavoratori agricoli a tempo indeterminato e il consolidamento della durata e dell’importo della Naspi. Sul piano fiscale la Fai Cisl chiede una rimodulazione del carico a favore dei redditi medi e popolari, con un abbattimento Irpef che renda più pesanti i salari e contribuisca a rilanciare i consumi. Si rivendica inoltre l'inasprimento delle sanzioni contro l'evasione con una redistribuzione delle risorse ricavate a sostegno delle fasce deboli del lavoro. Sotto il profilo contrattuale, la Fai Cisl invoca inoltre l’innalzamento delle retribuzioni per i contratti agricoli di prestazione occasionale al livello della media dei contratti provinciali e la piena attuazione della Legge 199 contro il caporalato, con maggiori affidamenti bilaterali per il buon governo del mercato del lavoro agricolo. Centrale, nei comparti ambientali, la realizzazione di un piano nazionale contro il dissesto idrogeologico e di una legge per rilanciare il patrimonio forestale e ambientale italiano che individui anche una solida controparte pubblica per il rinnovo del contratto nazionale dei lavoratori forestali, atteso ormai da cinque lunghi anni.

Leggi anche:

Emilia Romagna. Daviddi (Fai Cisl): Emilia Romagna. Daviddi (Fai Cisl): "Mobilitazione nazionale sabato 28 ottobre"
Reggio Emilia, 24 ottobre 2017 - “Il Sindacato promuove una raccolta firme per richiedere a gran voce un accordo con il governo, affinché le...
Umbria. Anche la Fai Cisl regionale in piazza il 28 ottobre per l'agroalimentare ed il sistema ambientale del futuro Umbria. Anche la Fai Cisl regionale in piazza il 28 ottobre per l'agroalimentare ed il sistema ambientale del futuro
25 Ottobre 2017 - Proprio come in tutto il Paese, il 28 Ottobre anche la Fai Cisl Umbria scenderà in piazza "per raccogliere firme a sostegno delle...
Toscana. A Siena, il 28 ottobre,  in piazza Duomo per la raccolta firme della Fai Cisl Toscana. A Siena, il 28 ottobre, in piazza Duomo per la raccolta firme della Fai Cisl
26 ottobre 2017. La campagna di raccolta firme lanciata dalla Fai Cisl nazionale su previdenza, occupazione, retribuzioni e contrasto allo...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.