Abruzzo/Molise. Malandra (Cisl): "Dati rapporto Svimez non sono rassicuranti“

Abruzzo/Molise, 9 novembre 2017. "La crisi in Abruzzo ancora non è definitivamente superata, i dati del rapporto Svimez sul 2016, che purtroppo confermano la nostra analisi, non ci rassicurano" - denuncia Leo Malandra -. L’Abruzzo stenta molto più di tutte le altre regioni del Sud ed anche di quelle del centro Italia colpite dal terremoto ad una visibile ripresa del tessuto economico. Infatti il prodotto interno lordo regionale è stato l’ unico in Italia a registrare una inversione di tendenza: dopo un 2015 in leggera crescita, nel 2016 è calato dello 0,2%, al contrario della perfomance positiva delle altre regioni meridionali. Le imprese, soprattutto quelle artigiane e le PMI, stanno soffrendo, non riescono a produrre ricchezza. Scende il valore aggiunto dell’industria, non si muove quello dei servizi, segna un lieve rialzo solo il prodotto del settore edile e dell’agricoltura.Dalla lettura dell’analisi dell’Associazione Svimez è emerso che le regioni meridionali hanno avuto andamenti disomogenei: se la Campania e la Basilicata sono state trainanti, in Abruzzo sono stati più contenuti gli incrementi registrati. Solo il mercato estero, con un andamento positivo delle esportazioni, rende i territori competitivi. I livelli occupazionali sono ancora distanti dai livelli raggiunti prima della crisi e le persone in cerca di occupazione, negli ultimi anni, sono aumentate. “Una flessione che avevamo già segnalato alla presentazione dall’analisi elaborata dall’Aps “M.Ciancaglini” con il Professore Giuseppe Mauro, - dichiara il Segretario della CISL -. In quella occasione e con il Decalogo, sottoscritto insieme a Cgil e Uil, abbiamo suggerito alla classe politica alcune proposte per aiutare le famiglie e le imprese ad uscire da questa lunghissima fase ancora in parte negativa e di transizione”. L’Abruzzo ha assolutamente bisogno di sostenere una crescita reale del sistema produttivo grazie alle risorse nazionali ed europee. Il mercato del lavoro deve recuperare occupati attraverso politiche attive capaci di promuovere la piena e buona occupazione. “E’ necessario un cambio di passo della politica regionale dopo l'emergenza del terremoto e delle calamità naturali ma, soprattutto, per rispondere ai mutamenti generati dalla crisi. Devono essere immediatamente sbloccati progetti ed azioni previsti dal Masterplan, dai Fondi Europei, dal Patto per lo sviluppo e dalla Carta di Pescara, individuando e denunciando situazioni di stallo. Dobbiamo creare una regia unica per affrontare le ben 109 vertenze aperte in tutti i settori”, - afferma il Segretario Generale della CISL AbruzzoMolise”.

Leggi anche:

Abruzzo. Scende la Cassa Integrazione ma la ripresa resta ancora debole e incerta Abruzzo. Scende la Cassa Integrazione ma la ripresa resta ancora debole e incerta
7 agosto 2015. Crolla la cassa integrazione nel primo semestre di quest'anno e, per la prima volta dopo tanti anni, scende in tutte e tre le sue...
Abruzzo. Bilancio di Previsione 2016 della Regione Abruzzo: preoccupazione di Cgil, Cisl,  Uil Abruzzo. Bilancio di Previsione 2016 della Regione Abruzzo: preoccupazione di Cgil, Cisl, Uil
Pescara, 22 dicembre 2015. Una nota della Segreteria Cisl Abruzzo Molise esprime una valutazione politica sul disegno di legge regionale concernente...
Abruzzo. Crollano le assunzioni, sembra  esaurirsi la grande spinta innescata dalla riforma del mercato del lavoro Abruzzo. Crollano le assunzioni, sembra esaurirsi la grande spinta innescata dalla riforma del mercato del lavoro
30 marzo 2016. Crollano le assunzioni, a termine ed a tempo indeterminato, e solo la contemporanea marcata flessione dei licenziamenti consente di...
Abruzzo. Lavoro: Ripresa in atto ma ancora non stabile Abruzzo. Lavoro: Ripresa in atto ma ancora non stabile
Abruzzo, 23 settembre 2016. 64 mila abruzzesi sognano ancora un posto di lavoro! Sono 24 mila in più rispetto al 2008, prima della lunga crisi....

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa