Lombardia. Sanità: Cgil Cisl Uil incontrano i rappresentanti della Regione il 22 novembre

10 novembre 2017. "Auspichiamo l'avvio di un percorso concreto e vero che riapra un serrato confronto con la calendarizzazione di incontri per l'applicazione dell'accordo del 1° giugno e sullo sviluppo e stato dell'arte delle ricadute sui lavoratori dopo la L.23/2015, i lavoratori esigono e meritano delle risposte". A dichiararlo la Segretaria regionale Fp Cisl Lombardia, Laura Olivi, in merito alla situazione in cui si trovano i lavoratori della sanità lombarda, ancora in attesa di risposte da Regione sulle ricadute della riforma sanitaria. Per tale motivo i sindacati di categoria di Cgil, Cisl, e Uil incontreranno i rappresentanti di Palazzo Lombardia il 22 novembre prossimo.
Da settimane, infatti, Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl della Lombardia denunciano la grave inadempienza della Regione sul percorso che doveva essere attivato a fronte anche dell'accordo del 1° giugno scorso sull'attuazione della legge regionale 23/2015.
Diverse le questioni sulle quali i sindacati sollecitano risposte da parte della Regione.  
“Innanzitutto – afferma Gilberto Creston segretario regionale Fp Cgil Lombardia - chiediamo il coinvolgimento delle organizzazioni sindacali nell’avvio del nuovo lavoro di approfondimento delle tematiche connesse alla determinazione dei nuovi fabbisogni di personale legati agli standard assistenziali, al minutaggio e allo skill-mix tra infermiere e personale di supporto”.
I sindacati Fp Cgil Cisl Fp e Uil Fpl sollecitano inoltre il tavolo di monitoraggio delle procedure di assunzione a tempo determinato e dei contratti di collaborazioni negli Irccs riferiti ai ricercatori e al personale di supporto alla ricerca. Occorre poi avviare l'analisi  e la discussione congiunta con le organizzazioni sindacali e le Rsu a livello aziendale degli effetti della Riforma sanitaria regionale a seguito dell’approvazione dei Piani organizzativi aziendali strategici, sviluppi organizzativi all’interno dei diversi servizi, modalità di utilizzo dei relativi fondi contrattuali; determinazione degli effettivi fabbisogni di personale e analisi del numero di personale precario, diviso per profili professionali, operante al 31/12/16 e attivazione procedure di stabilizzazione nell’ambito del rispetto del budget annualmente assegnato.
“Auspichiamo la prosecuzione di un comune percorso utile a definire fondi aziendali adeguati, retribuzioni armonizzate verso l'alto anche mediante le necessarie modifiche legislative nazionali e regionali – afferma Salvatore Maisto, segretario generale Uil Fpl Lombardia".
Le risorse, sottolineano i sindacati,  servirebbero per consentire, lo sviluppo della riforma sperimentale in atto considerando che Regione Lombardia vanta da numerosi anni bilanci di gestione in equilibrio. 
 
---------------------------------------------------------------
Stefania Olivieri

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.