Sardegna. EX ATI-IFRAS: "L'operazione reimpiego va avanti"

Sardegna, 13 novembre 2017. 23 giorni di tempo per il tavolo partenariale per l’attuazione delle politiche di reimpiego dei lavoratori dell’area Parco Geominerario provenienti dall’ex bacino “ATI-IFRAS”, per verificare lo stato di avanzamento di un’operazione che complessivamente interessa oltre 500 lavoratori. In attesa del 29 novembre, giorno scelto per un’ulteriore verifica dello stato dell’arte, i lavoratori continueranno a presidiare il palazzo della Regione, a Cagliari, e la cupola della cattedrale di Sassari. Il fatto positivo di questa storia sindacale è che la Regione monitora questo processo di reimpiego, quello negativo è che si procede troppo a rilento, mentre la fine dell’anno si avvicina e con il 31 dicembre salteranno tutti gli ammortizzatori sociali. Una ulteriore difficoltà è legata al ritardo con il quale si sta gestendo l’inserimento nel bacino delle figure previste dalla L.R. 18, cioè i tecnici già impiegati nei progetti della ex Ati Ifras, figure essenziali per l’attuazione di diversi progetti presentati dagli enti locali. La RAS si è impegnata a velocizzarne il processo di profilazione da parte della Aspal. Per quanto riguarda l’inserimento lavorativo la situazione è la seguente: IGEA - 27 lavoratori inseriti in carico Igea, mentre 35 lavoratori seguiranno percorsi qualificati di formazione con la contemporanea assunzione a tempo determinato entro il prossimo 27 novembre. Il totale dei lavoratori assunti alla fine della programmazione sarà di 118 unità. Enti locali – I progetti d’intervento ammessi sono 7, riguardanti altrettanti enti, che accoglieranno alla fine delle operazioni 222 lavoratori. Il comune di Sassari ha presentato 5 nuove proposte progettuali per l’inserimento di 46 lavoratori. E’ in via di definizione la procedura per l’attuazione di un progetto del Parco Geominerario che potrà coinvolgere 124 lavoratori. Il cronoprogramma per gli enti locali prevede che entro le prossime 4 settimane vengano avviati i bandi per le selezioni del personale e la conseguente assunzione. In riferimento all’esodo dei lavoratori verso la pensione, si prevede il coinvolgimento di136 lavoratori. Le OO.SS continueranno a vigilare affinché il progetto non subisca ulteriori ritardi e arrivi entro breve tempo a concretizzarsi con l’assunzione di tutti i lavoratori.

Leggi anche:

Mercato del lavoro. Cisl Sardegna: segnali di ripresa da sostenere con adeguate politiche attive del lavoro Mercato del lavoro. Cisl Sardegna: segnali di ripresa da sostenere con adeguate politiche attive del lavoro
Cagliari, 11 marzo 2016. “Gli interessanti segnali che arrivano dal mercato del lavoro sardo nel 2015 – disoccupazione in calo, occupazione e...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.