Lazio. Sindacati inquilini chiedono all'Inps di sospendere l'invio delle proposte di acquisto del patrimonio immobiliare

20 novembre 2017. Riprese le dismissioni del patrimonio immobiliare dell'Inps, ferme dal 2009 senza alcuna tutela per gli inquilini. L'ente previdenziale infatti chiude al confronto con i sindacati e le associazioni degli inquilini riprendendo le vendite senza tutela per le famiglie che non potranno comprare e indica canoni di mercato per gli occupanti. Dopo aver abbandonato la gestione del patrimonio immobiliare l’Inps  impone ora delle regole inaccettabili. Per questo oggi i sindacati e le associazioni, SUNIA, SICET, UNIAT e Unione Inquilini hanno chiesto di sospendere l’invio della lettera d'acquisto predisposta unilateralmente dall'INPS.
Con queste regole poche famiglie potranno acquistare e oltre 8.000 famiglie rischiano di entrare in emergenza abitativa.  Saremo sempre dalla parte dei diritti affinché nessuno rimanga escluso, ovvero senza tutele e la casa.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.