• InfrastruttureFurlan:

    Infrastrutture
    Furlan: "Urgente sbloccare i cantieri del Terzo Valico, della Tap e della Pedemontana. Il 30 Ottobre a Genova lanceremo le nostre proposte per far ripartire il Paese e gli investimenti"

    Continua...

  • Manovra Cgil Cisl Uil al Governo:

    Manovra
    Cgil Cisl Uil al Governo: "Nel Def mancano risposte incisive su crescita, lavoro, investimenti pubblici"

    Continua...

  • Lavoro Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive Sbarra:

    Lavoro
    Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive
    Sbarra: "Segnale di attenzione alla richiesta dei sindacati confederali"

    Continua...

  • Dal territorio

COMUNICATI STAMPA

Riders. Cgil, Cisl, Uil, riconvocare al più presto tavolo al ministero del Lavoro

Roma, 18 ottobre - “La trattativa avviata presso il ministero del Lavoro per dare ai riders tutele contrattuali e normative... continua

Lavoro. Sbarra: "Positivo calo cig ma in parte dovuto al superamento dei periodi massimi. Bene proroghe ammortizzatori, ora devono partire le politiche attive"

Roma, 18 ottobre 2018 - “Prosegue la riduzione della cassa integrazione: nei primi nove mesi dell'anno sono state autorizzati 162... continua

Manovra. Cisl a Ministra Lezzi: "Va garantita la clausola del 34  %  di investimenti per le regioni del Sud"

17 ottobre 2018 - "Una politica circolare, che rilanci effettivamente il Mezzogiorno rendendo più ricco il paese. Questo occorre avviare... continua

Povertà. Furlan: "Chi nasce povero ha meno possibilità di risalire ascensore sociale. Serve politica di crescita economica, sociale e culturale"

17 ottobre 2018 -  “Sono davvero preoccupanti i dati di oggi del Rapporto della Caritas  sull’aumento della povertà nel nostro... continua

Manovra. Furlan:"Troppo debole su investimenti, infrastrutture, innovazione, formazione. Condono fiscale non è certo pedagogico rispetto a lotta evasione"

16 ottobre 2018 - "È chiaro che bisognerà aspettare i testi della manovra per dare una valutazione compiuta. Ma da... continua

Labor TV

Manovra. Furlan: troppo debole su investimenti e infrastrutture

Guarda tutti i video

IN EVIDENZA

A PROPOSITO DI

  • "Se l'agenda delle infrastrutture non decolla", lettera aperta di Annamaria Furlan, 'Il Messaggero' 17 Ottobre 2018

    Furlan2018Le vicende emblematiche del Terzo Valico ferroviario in Liguria, del Gasdotto Tap in Puglia e della Pedemontana in Veneto sono la cartina da tornasole di un Paese che non sa decidere sul proprio futuro, incapace di valutare, senza pregiudizi ideologici, qualunquismo ed interessi di bottega, l'importanza degli investimenti pubblici in infrastrutture per la crescita e lo sviluppo complessivo del Paese. (...) E' lunghissima la lista delle opere in fase di realizzazione bloccate da ritardi amministrativi, veti della politica, ricorsi alla magistratura, appalti truccati, revisioni dei prezzi, campagne ideologiche. Parliamo di porti, acquedotti, dighe, raccordi stradali, ferrovie, fino alle scuole dei piccoli comuni. Di 37 opere strategiche programmate negli ultimi 15 anni, solo 11 sono arrivate al traguardo. Si stimano in 33 mila posti di lavoro ed in 75 miliardi di euro le ricadute che lo sblocco di queste opere pubbliche avrebbero sull'economia. Stare al Governo significa in primo luogo fare gli interessi generali del Paese e valutare con rispetto e senso di responsabilità anche le decisioni prese dagli Esecutivi precedenti in raccordo con l'Europa. 

FOCUS

ISCRIVITI ALLA CISL. INSIEME E' MEGLIO!

tesseramento 2018 orizzontale nologo lowres

Sindacato, contrattazione, tutela e rappresentanza. La persona, il luogo di lavoro, il territorio al centro dell'azione della CISL. Azione di prossimità. Siamo presenti su tutto il territorio con le Unioni sindacali territoriali e con la rete di servizi di assistenza, informazione e orientamento.  Dettagli

Iscriviti 

SCRIVI ALLA CISL

Inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo indirizzo email

Valore non valido

Inserisci il quesito

AggiornaValore non valido

Consenso privacy
 

Puglia. Convegno Cisl a Taranto sul CIS, il contratto Istituzionale di Sviluppo per l’area di crisi della città

22 Novembre 2017 - “CIS…e le nostre vocazioni” il convegno  organizzato dalla Cisl Taranto Brindisi insieme con la Cisl Puglia, sul contratto Istituzionale di Sviluppo (CIS) per l’area di crisi di Taranto. Intento dell'iniziativa, che si è tenuta stamani presso l’Hotel Mercure Delfino, in viale Virgilio, n. 66 a Taranto, quello di contestualizzare le correlazioni tra gli interventi previsti dal Contratto Istituzionale di Sviluppo per l’area di crisi di Taranto (Cis) e settori specifici, dalla Cultura al Turismo, intesi come ulteriori vettori di sviluppo e di occupazione aggiuntiva, con particolare riferimento ai giovani. I lavori moderati dal giornalista Domenico Palmiotti Capo Servizio della Gazzetta del Mezzogiorno - Edizione di Taranto, sono stati introdotti da una relazione del segretario generale Cisl Taranto Brindisi Antonio Castellucci. 

Sono intervenuti:
Il Prof. Riccardo Pagano dell’Università di Bari: “Esiste oggi una nuova questione meridionale, nel senso che la forza-lavoro è fatta di entità immateriali e non più solo di braccia e con una emigrazione giovanile al Nord e fuori del Paese, sempre più in crescita.”
Gianni Cantele, Presidente di Coldiretti Puglia: “Puntiamo ad una Agricoltura gestita nel segno della trasparenza e della piena legalità. Taranto può essere l’esempio virtuoso del passaggio dall’emergenza all’opportunità. Bonifiche non solo industriali ma anche agricole. Necessità di recuperare suolo da coltivare anche per sperimentare nuove colture.”
Leonardo Giangrande Presidente di Confcommercio Taranto: “Recuperare a Taranto i guasti ambientali determinati dall’industria pesante. Non è vero che si sta uscendo dalla crisi, non raggiungiamo ancora la parità tra in numero di aperture e di chiusura delle imprese commerciali e turistiche. Nel Turismo, in particolare, siamo ancora l’ultima provincia della Puglia. Non chiediamo assistenzialismo ma possibilità di fare programmazione.”
Fulvio Lino Di Blasio, Segretario Generale Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio: “Taranto è stata individuata tra le porte di accesso del turismo in Italia. Fare accessibilità digitale oltreché infrastrutturale. L’organismo di partenariato della risorsa mare, che comprende anche le Organizzazioni sindacali, è uno dei cardini dell’azione lungo cui deve svilupparsi l’azione dell’Autorità di sistema per implementare più imprese, più lavoro, più occupazione. Tra le nostre priorità c’è anche quella di rilanciare il rapporto tra il Porto e il territorio.
Daniela Fumarola Segretaria generale della Cisl Puglia: “Driver importanti per lo sviluppo in questo territorio si confermano l’Agricoltura, l’Industria, l’Ambiente, il Turismo, la portualità. Finora però è mancata una visione d’insieme, un fare sistema che per noi significa mettere a frutto il CIS, il Patto per la Puglia (5,4 milioni), il Patto per la città metropolitana. Benissimo l’attenzione particolare del Governo per il Mezzogiorno e per la Puglia. Il recente rapporto della Banca D’Italia dice chiaramente che la Puglia può conservare il trend di crescita a condizione che si aprano i cantieri e si crei nuova occupazione. No alle contese politiche ma esercizio della coesione e della corresponsabilità perché esse diventino strategie vincenti.
Eva degl’Innocenti Direttrice del Museo nazionale MarTA: “Il nostro Museo è eccellenza italiana benché carente di organico. In ogni caso esso ha contribuito a creare un legame identitario con la città di Taranto. E’ diventato la casa dei tarantini. Di recente approvato dalla Commissione europea il progetto Interreg per cui recupereremo il mare come elemento culturale non più solo balneare. I bambini, grazie alla didattica infantile, sono diventati i nostri ambasciatori; oggi il turismo familiare al Museo è in fortissimo incremento. Facciamo nostra la cultura della legalità, della trasparenza e della meritocrazia nella valutazione di progetti in partnership. Si a progettualità per sviluppo del turismo legato al superamento delle carenze infrastrutturali oggi esistenti nel territorio ionico.”
Donato Pentassuglia Presidente della IV Commissione regionale (Sviluppo Economico): “All’interno di un progetto di sistema, garantire un’obbligazione legalmente vincolante per le Amministrazioni pubbliche, al fine di potere spendere le risorse che sono disponibili. Dopo due anni di lavoro, con 500 mila euro completeremo l’iter della Legge per Taranto per la quale ho chiesto l’istituzione di una task force specifica. Le nostre vocazioni, se legate e fatte correre insieme con Industria 4.0, attiveranno condizioni favorevoli per corrispondere alle attese dei cittadini.
On. Claudio De Vincenti Ministro per la Coesione territoriale: “CIS esempio di visione e concretezza. Per superare la monocoltura industriale a Taranto, cultura e turismo, come agricoltura e agroalimentare possono contribuire in modo determinante, aprendo una strada importante all’interno di un processo diversificato di sviluppo del territorio. La memoria è il legno con cui si costruisce la nave del futuro. Ritrovare l’orgoglio di essere tarantini, pugliesi, italiani, per ridarci il senso di come possiamo costruire il nostro futuro. CIS firmato a dicembre 2015, oggi i finanziamenti per 964 milioni vedono già impegnati 490 milioni in lavori conclusi o in corso di conclusione; ulteriori 221 milioni sono spesa già erogata. Disoccupazione giovanile nel Mezzogiorno: crediti d’imposta e investimenti aumentati in Legge di bilancio, in ragione della grande richiesta pervenuta. Firmato il decreto ministeriale “Resto al Sud” che sta per diventare operativo mentre Banca delle Terre è in fase di perfezionamento e può diventare anch’esso ulteriore opportunità a disposizione dei giovani.”
Conclusioni:
Giovanna Ventura Segretaria confederale nazionale Cisl: “Se non parte dal Sud la ripresa, non riparte il Paese. Ma agli sforzi del Governo deve corrispondere altrettanta concretezza da parte delle Regioni. Quest’ultime non devono esercitare potere improprio nella fase del rilascio delle concessioni. Università, ricerca, investimento formativo sui giovani, sono fondamentali anche in ragione dei nuovi strumenti che sono ormai a disposizione di tutti i settori di sviluppo. Nel confronto con il Governo sul sistema delle pensioni la Cisl ha esercitato senso di responsabilità. Lasciare tutto invariato e magari rinviare alle decisioni di un nuovo Governo non era utile per i lavoratori ed i pensionati che rappresentiamo. Noi, a differenza di altri, abbiamo messo al centro l’interesse comune.

 

 

 

 

 

CONQUISTE DEL LAVORO

copertina_conquiste_del_lavoro

Contratto rinnovato per i dipendenti del Sostentamento Clero

Salario, welfare contrattuale ed estensione delle tutele per le famiglie al centro dell’intesacon alta valenza sociale che interessa mille lavoratori...

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

CONQUISTE DEL LAVORO

Contratto rinnovato per i dipendenti del Sostentamento Clero

Salario, welfare contrattuale ed estensione delle tutele per le famiglie al centro dell’intesacon alta valenza sociale che interessa mille lavoratori...

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa