• InfrastruttureFurlan:

    Infrastrutture
    Furlan: "Urgente sbloccare i cantieri del Terzo Valico, della Tap e della Pedemontana. Il 30 Ottobre a Genova lanceremo le nostre proposte per far ripartire il Paese e gli investimenti"

    Continua...

  • Manovra Cgil Cisl Uil al Governo:

    Manovra
    Cgil Cisl Uil al Governo: "Nel Def mancano risposte incisive su crescita, lavoro, investimenti pubblici"

    Continua...

  • Lavoro Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive Sbarra:

    Lavoro
    Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive
    Sbarra: "Segnale di attenzione alla richiesta dei sindacati confederali"

    Continua...

  • Dal territorio

COMUNICATI STAMPA

Manovra. Cisl a Ministra Lezzi Va garantita la clausola del 34  %  di investimenti per le regioni del Sud

17 ottobre 2018 - "Una politica circolare, che rilanci effettivamente il Mezzogiorno rendendo più ricco il paese. Questo occorre avviare... continua

Povertà. Furlan: "Chi nasce povero ha meno possibilità di risalire ascensore sociale. Serve politica di crescita economica, sociale e culturale"

17 ottobre 2018 -  “Sono davvero preoccupanti i dati di oggi del Rapporto della Caritas  sull’aumento della povertà nel nostro... continua

Manovra. Furlan:"Troppo debole su investimenti, infrastrutture, innovazione, formazione. Condono fiscale non è certo pedagogico rispetto a lotta evasione"

16 ottobre 2018 - "È chiaro che bisognerà aspettare i testi della manovra per dare una valutazione compiuta. Ma da... continua

Industria. Colombini: "Per far crescere la domanda interna servono politiche del lavoro ed una politica industriale rispettosa dell’ambiente"

Roma, 16 ottobre - "Il dato positivo fornito dall’Istat sull’aumento del fatturato e degli ordinativi nel mese di Agosto evidenzia... continua

Donne. Cgil Cisl, Uil: "Conciliazione vita lavoro riguarda tutti i lavoratori non solo le donne. Urgente un incontro con il Governo"

Roma, 16 ottobre -  La conciliazione tempi di vita tempi di lavoro "non è e non deve essere un affare... continua

Sicurezza lavoro. Furlan: "Morte operaio a Bergamo ennesima tragedia che addolora tutti. Sicurezza non può diventare un optional"

15 ottobre 2018 - Un operaio di 44 anni ha perso la vita mentre era al lavoro oggi in provincia... continua

Labor TV

Manovra. Furlan: troppo debole su investimenti e infrastrutture

Guarda tutti i video

IN EVIDENZA

A PROPOSITO DI

  • "Se l'agenda delle infrastrutture non decolla", lettera aperta di Annamaria Furlan, 'Il Messaggero' 17 Ottobre 2018

    Furlan2018Le vicende emblematiche del Terzo Valico ferroviario in Liguria, del Gasdotto Tap in Puglia e della Pedemontana in Veneto sono la cartina da tornasole di un Paese che non sa decidere sul proprio futuro, incapace di valutare, senza pregiudizi ideologici, qualunquismo ed interessi di bottega, l'importanza degli investimenti pubblici in infrastrutture per la crescita e lo sviluppo complessivo del Paese. (...) E' lunghissima la lista delle opere in fase di realizzazione bloccate da ritardi amministrativi, veti della politica, ricorsi alla magistratura, appalti truccati, revisioni dei prezzi, campagne ideologiche. Parliamo di porti, acquedotti, dighe, raccordi stradali, ferrovie, fino alle scuole dei piccoli comuni. Di 37 opere strategiche programmate negli ultimi 15 anni, solo 11 sono arrivate al traguardo. Si stimano in 33 mila posti di lavoro ed in 75 miliardi di euro le ricadute che lo sblocco di queste opere pubbliche avrebbero sull'economia. Stare al Governo significa in primo luogo fare gli interessi generali del Paese e valutare con rispetto e senso di responsabilità anche le decisioni prese dagli Esecutivi precedenti in raccordo con l'Europa. 

FOCUS

ISCRIVITI ALLA CISL. INSIEME E' MEGLIO!

tesseramento 2018 orizzontale nologo lowres

Sindacato, contrattazione, tutela e rappresentanza. La persona, il luogo di lavoro, il territorio al centro dell'azione della CISL. Azione di prossimità. Siamo presenti su tutto il territorio con le Unioni sindacali territoriali e con la rete di servizi di assistenza, informazione e orientamento.  Dettagli

Iscriviti 

SCRIVI ALLA CISL

Inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo indirizzo email

Valore non valido

Inserisci il quesito

AggiornaValore non valido

Consenso privacy
 

Abruzzo. Malandra (Cisl): "Occupazione in salita ma lavoro ancora non stabile"

Abruzzo, 7 Dicembre 2017. Finalmente di nuovo in salita l’occupazione in Abruzzo. E’ l’Istat che segnala una netta ripresa degli occupati nel terzo trimestre 2017 dopo due trimestri problematici. Sono 512 mila le persone che lavorano, 312 mila gli uomini e 200 mila le donne, un numero importante, che si avvicina molto ai livelli del 2008, prima dell’avvio della grande crisi. L’occupazione cresce soprattutto nei servizi, nel commercio, nell’industria, è stabile in agricoltura, rallenta solo nell’edilizia. Le altre stime sono tutte positive. Aumenta il tasso di occupazione, aumentano gli attivi, scendono i disoccupati ed i lavoratori inattivi e scoraggiati. Aumenta anche l’occupazione femminile, che era rimasta ferma per oltre 8 anni, relegando la nostra Regione agli ultimi posti nel paese. “Vengono quindi confermati i segnali di una ripresa del sistema produttivo e del mercato del lavoro locale”, - commenta i dati dell’ISTAT Leo Malandra Segretario della CISL AbruzzoMolise. Era stato, in particolare, l’INPS (Osservatorio del precariato) ad annunciare nei mesi scorsi un aumento delle assunzioni. L’Istituto conferma che la vivacità delle nostre imprese resta inalterata anche nel terzo trimestre. Eppure è questo il periodo in cui arrivano a scadenza quasi tutti i contratti stagionali ed il saldo tra avviati e cessati è sempre negativo. “Crescono decisamente tutte le tipologie contrattuali (a termine, stagionale, apprendistato), ma rallenta il solo tempo indeterminato. L’economia è in ripresa, le imprese assumono, ma con una occupazione ancora essenzialmente a termine. Il mercato del lavoro regionale è in movimento, offre più occasioni, ma non ancora lavoro stabile, non si consolida”, - continua Malandra nell’analisi. Una tendenza rilevata anche dal Ministero del Lavoro (Comunicazioni Obbligatorie), che prende in esame le persone e non solo i rapporti di lavoro. Anche qui la conferma che il 2017 può essere ormai considerato come l’anno della ripresa. 147 mila le persone assunte nei primi nove mesi, 126 mila quelle che hanno perso o lasciato il lavoro. Il risultato è il miglior saldo positivo degli ultimi 5 anni (+ 20.373). Sono soprattutto contratti a termine, o collaborazioni, o somministrazioni. Ma il tempo determinato da noi è meno frammentato, e più lungo rispetto alla media nazionale: 7 su 10 superano il mese, 4 vanno oltre i sei mesi. Come chiuderà il 2017? Si fermerà la corsa dei rapporti a termine? Il contratto stabile non sembra rientrare nei piani immediati delle aziende abruzzesi. Meno di 30 nuovi rapporti su 100 saranno a tempo indeterminato (compreso l’apprendistato). Molto più richiesti il tempo determinato (48), le collaborazioni (11) e le somministrazioni (11). Lo dice il Rapporto Excelsior, che rileva le assunzioni previste dalle imprese regionali nel trimestre novembre 2017 – gennaio 2018. Il sistema produttivo evidentemente, è in prudente attesa degli incentivi programmati dalla legge di bilancio per il 2018 e riservati, in particolare, alla stabilizzazione dei giovani disoccupati. Anche questo indice segnala un mercato del lavoro in movimento, ma le differenze territoriali sono enormi. L’Aquila è la più dinamica, seguita da Pescara e Teramo. Chieti è più lenta, il suo tasso di assunzioni previste è il più basso in Italia. E poi, è gravemente colpita da crisi strutturali. “Perché, se è vero che il mercato del lavoro si muove, non si attenua tuttavia la sofferenza del nostro sistema industriale. Non si fermano le crisi, temporanee e strutturali, cresce la cassa integrazione straordinaria, crescono i contratti di solidarietà”, - afferma il Segretario della CISL AbruzzoMolise. L’Inps segnala l’allarmante tendenza della nostra Regione: è l’unica a confermare una forte dipendenza dagli ammortizzatori sociali. Vengono ancora ampiamente utilizzati, non scendono, mentre nel resto del paese il ricorso alla cassa integrazione è praticamente crollato (-40%). Dappertutto, tranne che da noi. “Se la ripresa c’è, allora va accompagnata e sostenuta. Il Governo ha predisposto importanti misure”, - sostiene Malandra -. Con la legge di bilancio 2018 viene confermato il percorso tutto italiano di agevolare direttamente le imprese per favorire l’inserimento lavorativo dei disoccupati, in particolare dei giovani NEET. La notizia buona è che la misura diventa strutturale, ma dobbiamo prendere atto che manca ancora la necessaria attenzione al potenziamento ed alla riorganizzazione dei servizi del lavoro, la vera struttura portante delle politiche attive”. Secondo stime molto prudenti, il 2018 potrebbe davvero costituire l’anno di svolta per migliaia di giovani abruzzesi. Potrebbero essere almeno 20 mila i nuovi contratti stabili incentivati nell’arco di tre anni. “Ma c’è un grande lavoro da avviare. Regione e parti sociali devono sentirsi impegnate a sensibilizzare imprese e lavoratori, a indirizzare le misure verso le fasce deboli del mercato (disoccupati lunga durata, persone con competenze ridotte e qualificazione inadeguata). Bisogna prevedere percorsi formativi e integrare gli interventi nazionali con le azioni locali, a partire dalla sperimentazione del contratto di ricollocazione. Importante sarà la nuova programmazione di Garanzia Giovani e Garanzia Over, anche per promuovere l’occupazione femminile. Non si può fare affidamento solo sulla spontaneità e sulla buona volontà degli operatori economici !!….Servono insomma azioni forti di intervento e sostegno del Governo regionale frutto di una attenta programmazione finalizzata alla ripresa ed allo sviluppo produttivo “– conclude Malandra. in allegato l'analisi dei dati economici ed occupazionali elaborata dall'Ufficio Studi della CISL

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (Analisi Aps M.Ciancaglini AbruzzoISTAT.pdf)Analisi Aps M.Ciancaglini AbruzzoISTAT.pdf1203 kB

Leggi anche:

Abruzzo. Scende la Cassa Integrazione ma la ripresa resta ancora debole e incerta Abruzzo. Scende la Cassa Integrazione ma la ripresa resta ancora debole e incerta
7 agosto 2015. Crolla la cassa integrazione nel primo semestre di quest'anno e, per la prima volta dopo tanti anni, scende in tutte e tre le sue...
Abruzzo. In arrivo nuove risorse per lo sviluppo. Spina (Cisl): una buona notizia per la regione Abruzzo. In arrivo nuove risorse per lo sviluppo. Spina (Cisl): una buona notizia per la regione
25 Maggio 2016 - Dall’incontro tra CGIL CISL UIL e Confindustria con il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio De Vincenti, responsabile per...

CONQUISTE DEL LAVORO

copertina_conquiste_del_lavoro

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

Ilva, Mittal dà il via libera alle cessioni

Il gruppo indiano annuncia la dismissione di 4 siti in Europa: c’è anche Piombino. Proseguono le trattative ...

CONQUISTE DEL LAVORO

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

Ilva, Mittal dà il via libera alle cessioni

Il gruppo indiano annuncia la dismissione di 4 siti in Europa: c’è anche Piombino. Proseguono le trattative ...

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa