• Lavoro. Prosegue il calo delle domande di CigSbarra:

    Lavoro. Prosegue il calo delle domande di Cig
    Sbarra: "Effetto della ripresa e delle minori possibilità di utilizzo. Serve incontro con il Governo su ammortizzatori sociali e politiche attive"

    Continua...

  • A Salerno l'Assemblea nazionale di Cgil Cisl Uil

    A Salerno l'Assemblea nazionale di Cgil Cisl Uil
    "Parte la battaglia dei sindacati per il diritto ad una sanita’ piu’ efficiente ed universale”

    Continua...

  • IlvaCisl:

    Ilva
    Cisl: "Una bella notizia i tanti si’ all’accordo. Ora l’azienda rispetti tutti i punti dell’intesa"

    Continua...

  • Manovra Furlan:

    Manovra
    Furlan: "Conte convochi i sindacati. Dialogare è un dovere"

    Continua...

  • SindacatoCisl:

    Sindacato
    Cisl: "Nessuna fuga degli iscritti. Nel triennio 2015-2017, gli associati Cisl cresciuti di oltre diecimila tra i lavoratori attivi"

    Continua...

  • Crollo GenovaFurlan:

    Crollo Genova
    Furlan: "Basta polemiche. Bisogna pensare al futuro di Genova e sostenere l’economia della Liguria"

    Continua...

  • Dal territorio

COMUNICATI STAMPA

Sicurezza. Morti due lavoratori dell’ Archivio di Stato di Arezzo. Furlan: "Un'altra tragedia inaccettabile che addolora ed indigna tutti i lavoratori"

Roma, 20 settembre 2018 - “Profondo cordoglio della Cisl alle famiglie dei due lavoratori pubblici di Arezzo morti sul lavoro... continua

Lavoro. Sbarra: "Riduzione cig effetto della ripresa ma anche delle minori possibilità di utilizzo. Chiesto incontro al Ministro Di Maio su ammortizzatori sociali e politiche attive"

Roma, 20 settembre 2018 - "Continuano a ridursi le ore autorizzate di cassa integrazione, in parte per effetto del miglioramento... continua

Dell’Aringa. Furlan: "E’ una grave perdita per il mondo del lavoro"

18 settembre 2018 - "La scomparsa improvvisa di Carlo Dell’Aringa e’ un fatto che ci addolora molto. E’ una grave... continua

Lavoro. Sbarra: "Segnali positivi ma occupazione più fragile rispetto a 10 anni fa, vanno rafforzati ammortizzatori e politiche attive"

Roma, 18 settembre- "La nota congiunta Ministero del Lavoro, Istat, Inps, Inail e Anpal, conferma, per il secondo trimestre 2018... continua

Industria. Colombini: "Calo fatturato dovuto a mancanza di fiducia di famiglie ed imprese"

Roma, 18 settembre 2018 - "Il calo del fatturato dell'industria, come rilevato oggi dall'Istat, è dovuto di certo soprattutto alla... continua

Labor TV

Furlan a Sky Tg24 "La manovra finanziaria non può essere una battaglia tra partiti"

Guarda tutti i video

IN EVIDENZA

A PROPOSITO DI

  • "Conte ci ascolti, meno tasse sul lavoro e le pensioni". Intervista ad Annamaria Furlan, "Il Giornale" del 21 settembre 2018

    furlan2018bis21 settembre 2018. "Lavoratori dipendenti e pensionati, insieme, rappresentano oltre  il 75% del nostro erario. Da tanto tempo che, come Cisl, chiediamo una riforma fiscale amica del lavoro che agevoli le imprese che investono in occupazione e in ricerca. Allo stesso modo, chiediamo un fisco meno pesante sulle buste paga dei lavoratori e sulle pensioni  degli anziani. Credo che la manvora debba dare un segnale chiaro per mettere la crescita al centro: si può fare un progetto per tappe".  E alla domanda sul superamento della legge Fornero  con l'introduzione di quota 100, Furlan risponde "Quota 100 con 62 anni di età pensionabile e 41 anni o 41 e mezzo di contrbuti come secondo canale di uscita è una buona base di partenza che il Governo deve discutere con le parti sociali. Ci sono due aspetti da risolvere: creare una pensione di garanzia per i giovani e garantire un'uscita alle donne, soprattutto del Mezzogiorno, che non riescono ad arrivare a 38 anni di contrbuti". (...) "Mi auguro che si possa aprire un confronto, ma ormai Conte ha superato i tre mesi dall'insediamento e non ha mai incontrato le parti sociali. La Legge di Bilancio sarebbe una buona opportunità".

FOCUS

ISCRIVITI ALLA CISL. INSIEME E' MEGLIO!

tesseramento 2018 orizzontale nologo lowres

Sindacato, contrattazione, tutela e rappresentanza. La persona, il luogo di lavoro, il territorio al centro dell'azione della CISL. Azione di prossimità. Siamo presenti su tutto il territorio con le Unioni sindacali territoriali e con la rete di servizi di assistenza, informazione e orientamento.  Dettagli

Iscriviti 

SCRIVI ALLA CISL

Inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo indirizzo email

Valore non valido

Inserisci il quesito

AggiornaValore non valido

Consenso privacy
 

Lazio. Teatro dellìOpera di Roma, al via la nuova stagione. Sindacati: "Ancora insoluti i temi fondamentali per l’immediato futuro della Fondazione"

Roma, 12 dicembre 2017 - "Anche quest’anno le lavoratrici ed i lavoratori del Teatro del'Opera di Roma metteranno tutta la loro professionalità e la loro passione, ma lo faranno in un clima di crescente insoddisfazione e di motivata preoccupazione per il futuro".  E' quanto si legge in una nota congiunta di Slc Cgil Roma e Lazio, Fistel Cisl Lazio e Uilcom Uil Roma e Lazio nel giorno prende il via la nuova stagione dell’Opera di Roma. "Nonostante la narrazione fortemente ottimistica di questa gestione rimangono insoluti temi fondamentali per l’immediato futuro della Fondazione"- si precisa nella nota che così prosegue: 
 
"L’esposizione debitoria  non registra significative inversioni di tendenza. Come rilevato dalla “1° Relazione Semestrale 2017 del Commissario straordinario del governo per le fondazioni lirico-sinfoniche” “…lo stock debitorio, pari a 53 milioni di euro complessivi, rimane molto elevato, rappresentando per dimensioni la seconda esposizione a livello nazionale…”. Del resto nel 2015 si è registrato un aumento del debito di ben 9 milioni nonostante le prescrizioni contrarie della Legge 112/13. A riguardo la relazione del Commissario Sole è perentoria nel prescrivere per il breve-medio periodo un intervento di ricapitalizzazione da parte dei Soci e migliorando le azioni di found raising dai privati (sorprende come la “buona stampa” anche a livello internazionale non si traduca poi in forme di “mecenatismo” che ad oggi appaiono più che decisive per il raggiungimento di un reale equilibrio finanziario). - Aumento dei debiti tributari rispetto a quanto previsto dal Piano di risanamento. Nel 2016 risulta non versata la quota di Irpef per 5,8 milioni di euro. Quota oggetto di un piano di rientro con l’Agenzia delle Entrate di cui sarebbe opportuno avere effettiva evidenza, tenuto conto anche delle potenziali ricadute sui lavoratori. - Aumento dei costi di produzione. A fronte di un numero di alzate di sipario stabile nel 2016 rispetto al 2015 (185 rispetto a 186) si registra un incremento non indifferente dei costi di produzione di circa 1,6 milioni in più. Tale aumento non è giustificato da significative differenze produttive e fa della Fondazione quella con il maggior costo di produzione per alzata ( cit. relazione del commissario Governativo Sole). L’aumento dei costi di produzione non si traduce per altro in maggior punteggio FUS in quanto con le performances del 2015 il Costanzi ha già raggiunto il massimo del punteggio. Di fatto siamo di fronte ad un aumento “secco” dei costi del quale non è in alcun modo possibile, ad oggi, capirne i motivi dal momento che la Direzione del Teatro si rifiuta di fornire i dati disaggregati delle singole produzioni. - Scelte gestionali non in linea con lo spirito del piano di risanamento. Come, ad esempio, la scelta di dotare il Teatro di due Direttori Artistici anziché uno; la scelta di avvalersi di onerosi patrocini legali privati nella gestione dell’ingente contenzioso legale per questioni giuslavoristiche anziché avvalersi dell’Avvocatura Generale dello Stato (contenzioso che spesso vede la Fondazione soccombere e che, forse, si sarebbe potuto evitare magari con un più lungimirante percorso di confronto sindacale); la scelta di erogare premi alla dirigenza mentre si continua ad applicare al resto della forza lavoro tagli alle retribuzioni per un totale di circa 1,5 milioni di euro annui sebbene l’accordo sindacale che li prevede sia scaduto di fatto nel 2016. - Una gestione del confronto con i lavoratori totalmente autoreferenziale e priva di contenuti. Una realtà che ha attraversato eventi drammatici come quelli del 2014 e che ha visto i lavoratori partecipare al progetto di risanamento con importanti sacrifici in termini economici e di aumento della produttività non può continuare a considerare il confronto con i rappresentanti dei lavoratori come una sorta di fastidio inevitabile al quale prestarsi il meno possibile. Così come non può non onorare impegni sottoscritti continuando a far quadrare i bilanci con i tagli alle retribuzioni dei lavoratori neanche fossero una sorta di “bancomat”. L’ostinazione con la quale la Dirigenza si rifiuta di fornire i dati di bilancio disaggregati, così da permettere una reale comprensione delle difficoltà e dei problemi reali della Fondazione, davvero non si comprende più. Appellarsi alla privacy dei dati suona addirittura ridicolo…come se i conti economici di un’”azienda”, peraltro a controllo pubblico, non riguardassero i lavoratori ed i cittadini. Viene da chiedersi davvero il perché di questa ritrosia incomprensibile. Ecco questi sono i fatti che caratterizzano il clima con il quale l’Opera di Roma si appresta a celebrare “il rito della prima”. La storia dell’uomo solo al comando avversato dai nostalgici di un passato deteriore fatto di sperperi e privilegi ormai non regge più. In questi anni, con buona pace del Sovrintendente, le lavoratrici ed i lavoratori dell’Opera di Roma hanno, con la loro professionalità e disponibilità, fatto fronte alla cronica carenza di organico della Fondazione. L’aumento delle produzioni e la contemporanea diminuzione del perimetro occupazionale alla lunga producono storture gestionali ed il rischio più che teorico di un abbassamento della qualità complessiva dell’offerta. Lo spettacolo dal vivo è un settore tipicamente “labour intensive” dove il fattore “umano” ha un incidenza imprescindibile nella produzione nel suo complesso. Così non è più possibile continuare. E’ tempo per l’Opera di Roma di aprire un confronto vero sul proprio futuro. A questo confronto non può più sottrarsi il Sovrintendente Fuortes ma non possono più sottrarsi le istituzioni locali, ad iniziare dalla Sindaca di Roma nella sua qualità di Presidente dl Consiglio di Indirizzo della Fondazione, alle quali chiediamo l’apertura immediata di un confronto. Il piano di risanamento e le condizioni create dal nuovo quadro legislativo che sovrintende la gestione delle Fondazioni Lirico sinfoniche non permettono ulteriori rinvii".

 

CONQUISTE DEL LAVORO

copertina_conquiste_del_lavoro

Premio Ferrero, dolce risultato

Sono oltre 2mila euro ad entrare nelle buste paga dei 6mila dipendenti del colosso dolciario.A siglare il rinnovo dell’accordo la...

Auto, l’estate mette le ali al mercato Ue

Bene luglio, ma il boom è ad agosto: + 30%. A spingere gli acquisti le nuove regole sull’omologazionein vigore...

StMicroelectronics, raggiunto rinnovo: premio di risultato più ricco

Nell’intesa anche aumento dei permessi per conciliare tempi di vita-lavoro e miglioramento assistenza sanitaria integrativa. Tra i punti fermi...

A Mantova la ripresa passa da welfare e formazione

Confindustria e Cgil Cisl Uil siglano un protocollo d’intesa per far crescere l’occupazione qualificata, facilitare la formazione rafforzando le competenze...

Manovra, Di Maio punta i piedi su fisco e pensioni

Lega e 5 Stelle continuano la guerra di posizione sulla Finanziaria. In serata vertice con Conte.Il vicepremier pentastellato: mai condoni...

CONQUISTE DEL LAVORO

Premio Ferrero, dolce risultato

Sono oltre 2mila euro ad entrare nelle buste paga dei 6mila dipendenti del colosso dolciario.A siglare il rinnovo dell’accordo la...

Auto, l’estate mette le ali al mercato Ue

Bene luglio, ma il boom è ad agosto: + 30%. A spingere gli acquisti le nuove regole sull’omologazionein vigore...

StMicroelectronics, raggiunto rinnovo: premio di risultato più ricco

Nell’intesa anche aumento dei permessi per conciliare tempi di vita-lavoro e miglioramento assistenza sanitaria integrativa. Tra i punti fermi...

A Mantova la ripresa passa da welfare e formazione

Confindustria e Cgil Cisl Uil siglano un protocollo d’intesa per far crescere l’occupazione qualificata, facilitare la formazione rafforzando le competenze...

Manovra, Di Maio punta i piedi su fisco e pensioni

Lega e 5 Stelle continuano la guerra di posizione sulla Finanziaria. In serata vertice con Conte.Il vicepremier pentastellato: mai condoni...

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa