Emilia Romagna. Fai Cisl: "Castelfrigo assumerà 52 lavoratori"

Emilia Romagna, 29 dicembre 2017. «L'agenzia per il lavoro Sapiens di Mantova assumerà i 52 lavoratori  - spiegano Daniele Donnarumma e Marco Ganzerli, sindacalisti della Fai Cisl Emilia Centrale, che fin dallíinizio della vertenza aveva chiesto alla Castelfrigo l'assunzione diretta dei soci lavoratori delle coop Ilia D.A. e Work Service - Il contratto di assunzione avrà durata di sei mesi (dal 2 gennaio al 30 giugno 2018), dopodiché si valuteranno le condizioni per la stabilizzazione e/o per un eventuale rinnovo del presente accordo. Ai lavoratori verrà applicato il ccnl dell'industria alimentare, nonché tutti gli eventuali accordi aziendali. In considerazione dei brevissimi tempi tecnici, i lavoratori saranno inizialmente inquadrati al quinto livello come previsto dal ccnl. Successivamente ci incontreremo con l'azienda per valutare le effettive mansioni svolte al fine di individuare il corretto inquadramento e l'anzianità convenzionale di servizio. I lavoratori verranno debitamente formati per acquisire le necessarie competenze tecnico-produttive e sulle tematiche di igiene e sicurezza degli alimenti. Grazie a questo accordo, - sottolineano Donnarumma e Ganzerli - sono quasi 150 i posti di lavoro salvati, perché vanno considerati anche i dipendenti diretti della Castelfrigo, che ha seriamente rischiato di chiudere».
Ricordiamo, infatti, che, a causa della vertenza, la Castelfrigo aveva lamentato un calo di commesse e un danno di immagine. Inoltre l'azienda dovrà pagare le sanzioni amministrative “ereditate” dalle due cooperative. Nonostante questo, la Castelfrigo ha sempre dichiarato di voler continuare l'attività, riportando in azienda le commesse perse e recuperando il danno di immagine, ferma restando la sua solidità economica futura.
«Dopo aver valutato tutte le possibili soluzioni, abbiamo individuato un percorso transitorio che arrivi gradualmente alla stabilizzazione dei rapporti di lavoro, supportata anche da un'adeguata formazione professionale - aggiungono Donnarumma e Ganzerli - Quanto ai 55 lavoratori delle due cooperative per ora non stabilizzati, abbiamo la ragionevole speranza che una parte di essi possa essere assunta nei prossimi mesi dalla Castelfrigo. L'azienda, infatti, ha richiesto un periodo di tempo per valutare l'andamento della gestione e di bilancio. Il nostro auspicio, comunque, - concludono i due sindacalisti della Fai Cisl Emilia Centrale - è che i lavoratori eventualmente non assunti possano essere ricollocati presso altre aziende del settore».

 

Leggi anche:

Emilia Romagna. Cisl: Emilia Romagna. Cisl: "Tempo per appianare questioni non risolte da altri"
Emilia Romagna, 19 gennaio 2018. La vicenda Castelfrigo è facilmente comprensibile andando su YouTube e guardando il video intitolato “fuori...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa