Emilia Romagna. Welfare: "Bonus bebè per italiane e immigrate"

Reggio Emilia, 30 dicembre 2017. Riconosciuto dal primo gennaio 2017un premio alla nascita o all’adozione di un minore per un importo di 800 euro. L’indennità, come previsto dal bilancio per l'anno finanziario 2017 e per i due anni seguenti, sarà a carico dello Stato e verrà corrisposto dall’Inps a tutte future mamme che ne faranno richiesta. Tra i requisiti necessari per richiedere il bonus bebè nella prima circolare inviata dall'Inps, oggetto del contenzioso, c'era quello di possedere un permesso di soggiorno permanente e non un normale permesso pluriennale. "Questa però, come affermato dal tribunale di Milano, era una richiesta discriminatoria - dice Aziz Sadid di Cisl Emilia Centrale - come per dire: non tutte le mamme sono e saranno uguali. Non è la prima volta, del resto, che l’Inps propone discriminanti di questo tipo per l’accesso alle prestazioni sociali sulla base della nazionalità e del tipo di documento di soggiorno. Secondo il presidente dell'Inps, Tito Boeri - continua Aziz Sadid - Gli immigrati regolari versano ogni anno 8 miliardi di contributi sociali e ne ricevono solo 3 miliardi in termini di pensioni e altre prestazioni sociali, con un saldo di circa 5 miliardi per le casse dell'Istituto previdenziale. E' giusto aiutare chi decide di avere un figlio in un Paese come il nostro dove il 22% della popolazione ha più di 65 anni e dove in 8 anni (dal 2008 al 2016) le nascite sono calate di oltre 100 mila unità". Ma dopo il ricorso promosso da Apn (Avvocati Per Niente), Asgi (Associazioni Studi Giuridici sull’Immigrazione) e Fondazione Guido Piccini per i Diritti dell’Uomo, il Tribunale di Milano ha ordinato all’Inps di eliminare la condotta discriminatoria e di estendere il beneficio del bonus mamma a tutte le madri regolarmente soggiornanti in Italia. "Per questo motivo - conclude Sadid - invitiamo tutte le futuri mamme, italiane e straniere con regolare permesso di soggiorno, a presentare la domanda presso i nostri patronati e a informarsi sui documenti richiesti".

Leggi anche:

Lombardia. Tribunale MIlano riconosce Bonus bebè a cittadina extra Ue titolare di permesso unico di lavoro Lombardia. Tribunale MIlano riconosce Bonus bebè a cittadina extra Ue titolare di permesso unico di lavoro
Milano. 2 Dicembre  2016 - ASGI e ANOLF Milano esprimono grande soddisfazione per la decisione emessa oggi con ordinanza del 2 dicembre 2016 dal...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa