Puglia. Castellucci (Cisl): "Potenziare medicina territoriale"

Taranto, 5 gennaio 2018. La Cisl territoriale aveva già denunciato più volte, i tanti limiti del Piano di riordino ospedaliero regionale ed ecco che in modo particolare spiccano le difficoltà di questi giorni, dovute all’aumento esponenziale di accessi, per i picchi influenzali, ai vari Pronto Soccorso del territorio ed in particolar modo dell’Ospedale SS. Annunziata di Taranto. La medicina territoriale non è stata affatto potenziata perciò, fra le tante criticità, era prevedibile l’insufficienza di tale servizio accollato al più grande nosocomio ionico che, quindi, poteva arrivare anche al collasso, così come di fatto è avvenuto. Proprio per questo avevamo sollecitato - nonostante il punto importantissimo di primo intervento con gestione affidata al 118 - che funzionasse e venisse ripristinato logisticamente nonché potenziato il reparto del Pronto Soccorso del Moscati - che già serviva un territorio esteso, dall’area industriale del capoluogo a tutta la fascia dei Comuni di Monteiasi, Montemesola, Grottaglie, Statte, ecc. - in aggiunta a quello del SS. Annunziata, essendo stati ridimensionati gli Ospedali di Grottaglie e di Manduria,. Ridimensionamenti, va ricordato, decisi verticisticamente senza tener conto delle ragioni, delle esigenze e delle peculiarità del territorio ionico. Al netto dell’influenza di questo periodo, comunque già prevista alcune settimane fa e al pari di quanto già osservato con la passata emergenza estiva, la realtà è che il Pronto Soccorso del SS. Annunziata risulta strutturalmente insufficiente per l’intero anno. Occorre, allora, che si riprenda al più presto il confronto a livello territoriale e che si riapra la discussione per trovare soluzioni adeguate per far fronte a tutte le possibili punte di emergenza che possono rivelarsi anche di diverso genere. Oggi l’unica certezza sanitaria territoriale che riscontriamo è la professionalità, la pazienza, la dedizione, i sacrifici di medici, infermieri ed operatori sanitari, con tutto il sistema dell’indotto sanitario. Tutti, nessuno escluso, vanno ringraziati poiché, nonostante le grandi difficoltà, hanno assicurato e continuano ad assicurare la necessaria assistenza e i dovuti servizi ai cittadini. Auspichiamo soluzioni concrete in materia di emergenza-urgenza e quindi della organizzazione del Pronto Soccorso sull’intero territorio, così come in merito ai Presidi Territoriali di Assistenza (PTA) e alle Liste di Attesa, rispetto a cui la Cisl, in particolar modo con le sue Federazioni della Sanità e dei Pensionati, ha nel tempo rilevato e fatto presenti le relative criticità. Le OO. SS. confederali e l’intera comunità, oltretutto, rimangono creditrici di risposte su quel tavolo di concertazione appositamente istituito presso la Asl territoriale mesi fa. La Cisl Taranto Brindisi, anche in considerazione dell’eccessiva penalizzazione di quest’area per l’insieme dell’offerta sanitaria risultante dalle scelte della Regione Puglia attraverso il Piano di riordino, ritiene che tale confronto debba riprendere responsabilmente ed incessantemente, per individuare soluzioni giuste e condivise.

Leggi anche:

Taranto. Castellucci (Cisl): Strategia nazionale dopo il mancato quorum Taranto. Castellucci (Cisl): Strategia nazionale dopo il mancato quorum
Taranto, 19 aprile 2016. “L’esito negativo e non inatteso del Referendum di domenica scorsa, che non ha raggiunto il quorum dei votanti –...
Brindisi. Castellucci (Cis): Formazione a 360 gradi Brindisi. Castellucci (Cis): Formazione a 360 gradi
Brindisi, 10 luglio 2017. Programmato dalla Cisl Taranto Brindisi con il Patronato Inas Cisl Puglia, si terrà oggi con inizio ore 9.00 la seconda di...
Brindisi. Castellucci (Cisl): Maggiori servizi alle imprese per territori Brindisi. Castellucci (Cisl): Maggiori servizi alle imprese per territori
Brindisi, 25 agosto 2017. La firma del Ministro per lo Sviluppo Economico Carlo Calenda apposta di recente al Decreto per la ridefinizione delle...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.