Emilia Romagna. Cessione Cassa Risparmio di Cento. I sindacati smentiscono voci su possibili esuberi

 

Cento(FE), 12 febbraio 2018 - “Ad oggi non siamo al corrente di nessun piano esuberi, anzi ribadiamo con forza che in nessun tavolo sindacale e in nessun incontro con la direzione aziendale della Cassa Risparmio di Cento si è mai discusso di esuberi. Di conseguenza condanniamo fermamente qualsivoglia illazione, il cui unico risultato sarebbe quello di ingenerare tensione e preoccupazione tra i lavoratori”.  E' quanto dichiarano le rappresentanze sindacali aziendali di Fabi, First e Fisac della Cassa Risparmio di Centoin una nota congiunta smentendo "categoricamente le sedicenti “voci sindacali” pubblicate questa mattina su “La nuova Ferrara” (Lettera alla Fondazione “Una svendita, a chi giova?”) e su “Il Resto del Carlino” (“La vendita di Caricento non giova al territorio”) riguardo a possibili cento esuberi che scaturirebbero dalla cessione dalla Cassa Risparmio di Cento spa a Banca Popolare Sondrio. “Seguiremo – concludono i sindacati - comunque con attenzione l'evoluzione dell'assetto societario di Cassa Risparmio e faremo tutto quanto nelle nostre possibilità per garantire la piena occupazione, il benessere dei dipendenti e del territorio”.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa