Emilia Romagna. Cessione Cassa Risparmio di Cento. I sindacati smentiscono voci su possibili esuberi

 

Cento(FE), 12 febbraio 2018 - “Ad oggi non siamo al corrente di nessun piano esuberi, anzi ribadiamo con forza che in nessun tavolo sindacale e in nessun incontro con la direzione aziendale della Cassa Risparmio di Cento si è mai discusso di esuberi. Di conseguenza condanniamo fermamente qualsivoglia illazione, il cui unico risultato sarebbe quello di ingenerare tensione e preoccupazione tra i lavoratori”.  E' quanto dichiarano le rappresentanze sindacali aziendali di Fabi, First e Fisac della Cassa Risparmio di Centoin una nota congiunta smentendo "categoricamente le sedicenti “voci sindacali” pubblicate questa mattina su “La nuova Ferrara” (Lettera alla Fondazione “Una svendita, a chi giova?”) e su “Il Resto del Carlino” (“La vendita di Caricento non giova al territorio”) riguardo a possibili cento esuberi che scaturirebbero dalla cessione dalla Cassa Risparmio di Cento spa a Banca Popolare Sondrio. “Seguiremo – concludono i sindacati - comunque con attenzione l'evoluzione dell'assetto societario di Cassa Risparmio e faremo tutto quanto nelle nostre possibilità per garantire la piena occupazione, il benessere dei dipendenti e del territorio”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.