Puglia. Al via oggi lo stato di agitazione degli oltre 2500 addetti dell'indotto appalti dell'Ilva di Taranto

Taranto, 5 marzo 2018 - Al via oggi 5 marzo lo stato di agitazione dei lavoraotri degli appalti dell'indotto Ilva di Taranto. In una lettera inviata a vertici Ilva, commissari, prefetto ed ai segretari generali di Cgil, Cisl, Uil, i sindacati del terziario, trasporti, ed atipici, di Taranto, lamentano "l’assenza e il totale disinteressamento, l’apatia al riconoscimento e al diritto di essere rappresentati al tavolo Istituzionale dei lavoratori e delle lavoratrici della ristorazione collettiva, delle pulizie civili e industriali e dei somministrati i dell’indotto ILVA Taranto oltre 2500 addetti, abbandonati a quelle che saranno le future logiche del mercato, dei cambi appalto o assegnazioni di commesse al massimo ribasso che nelle migliori delle ipotesi comporteranno forti riduzioni orarie e reddituali o come si prospetta la fuoriuscita dal mercato del lavoro Ilva.

"Chi oggi ritiene di non ascoltare le nostre voci forse, non è neanche al corrente - proseguono nella lettera congiunta  che: i cantieri oggi sono meno sicuri che prima; le retribuzioni vengono erogate a singhiozzo a mera discrezione delle aziende che rivendicano mancati pagamenti delle commesse; la maggior parte dei diritti dei lavoratori, frutto di decenni di conquiste, vengono rimessi in discussione da aziende con l’avallo “silente” di chi ritiene di decidere le sorti dell’azienda.




Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.