Puglia. Caporalato, Cisl e Fai Cisl sollecitano l'istituzione della cabina di regia preso l'Inps di Brindisi

19 marzo 2018 - "La cabina di regia è necessaria perché lo sviluppo di un’Agricoltura moderna, di qualità e sostenibile, passa attraverso anche questi strumenti e pertanto offrirà l’opportunità di un costante monitoraggio sull’andamento del mercato del lavoro agricolo, per la creazione di una filiera produttiva eticamente orientata, con il concorso delle Amministrazioni pubbliche coinvolte, Associazioni datoriali e parti sociali". Così Antonio Castellucci, Segretario generale Cisl Taranto Brindisi e Antonio La Fortuna, Segretario generale Fai Cisl Taranto Brindisi sul ritardo - più volte evidenziato - relativo all’istituzione presso l’Inps di Brindisi di tale strumento che è previsto dalla Legge sul caporalato (L. n. 199/2016). Ritardo messo ancor in risalto dal recente insediamento presso la sede Inps di Foggia della Sezione territoriale Rete del lavoro agricolo di qualità che - osservano - mette in rilievo il ritardo, 

"Richiamiamo ancora una volta, dopo averlo sollecitato più volte anche in occasione nell’ultimo incontro in Prefettura di luglio scorso,  - sottolineano i segretari in una nota congiunta - che la cabina di regia da insediare presso l’Inps provinciale ha il preciso obiettivo di istituire la Rete per il rilascio della certificazione etica alle Imprese che ne fanno parte, a fronte del rispetto della legalità, dell’applicazione dei contratti, della regolarità dei versamenti dei contributi previdenziali e dei premi assicurativi; allo stesso tempo consentirà alle stesse Imprese incluse all’interno della Rete un percorso di collaborazione fattiva con tutti gli Istituti preposti alle verifiche ed ai controlli in materia.

Importante e determinante è l’attività meritoria continua delle Forze dell’ordine, sul territorio brindisino, non solo di repressione ma anche di deterrenza per questi fenomeni malavitosi e criminosi, testimoniata dalla serie di recenti casi di cronaca riguardanti i colpi sferrati al caporalato in Agricoltura. Anche questa presa d’atto dovrebbe far accelerare l’insediamento della cosiddetta Cabina di regia o Rete territoriale presso l’Inps di Brindisi.
Oltretutto, alla sezione territoriale della Rete sono ascritti compiti peculiari, come promuovere modalità sperimentali di intermediazione fra domanda e offerta di lavoro nel settore agricolo e realizzare funzionali ed efficienti forme di organizzazione del trasporto dei lavoratori.
Quanto alla Regione Puglia, soggetto istituzionale coinvolto anch’esso nella Rete, avendo specifiche competenze sulla questione dei trasporti e per la disponibilità posseduta di risorse specifiche, riteniamo debba confrontarsi al più presto con le parti sociali per il loro impiego.
Visto anche l’imminente periodo primaverile ed estivo, in cui si avviano le fasi di lavorazione delle grandi raccolte e vedrà impiegate migliaia e migliaia di braccianti agricoli, con oltre il 60% donne, Cisl e Fai Cisl Taranto Brindisi chiedono all’Inps ed al Prefetto di Brindisi intervenire per istituire la Rete del lavoro agricolo di qualità per un piano di sviluppo territoriale del settore ed il contrasto al fenomeno criminale del caporalato" concludono.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.