Lazio. Scuola: un importante risultato della Cisl nelle elezioni delle RSU

Roma, 24 aprile 2018.  Paolo Terrinoni, segretario generale della CISL del Lazio, in una nota,  commenta i risultati ottenuti dalla Cisl Scuola del Lazio alle elezioni delle RSU "I risultati confermano il consenso e la fiducia crescente dei lavoratori per il sindacato cislino. -afferma- Per questo rivolgiamo loro i nostri più sentiti complimenti. Quello raccolto dalla Cisl Scuola del Lazio è un risultato importante per un settore vitale come è quello della scuola. Ai candidati eletti rivolgiamo i nostri auguri di buon lavoro. Li attende un impegno di grande responsabilità affinché la scuola sia sempre più rispondente alle necessità di un mondo che cambia, con lavoratori motivati e il cui ruolo sia sempre più riconosciuto e apprezzato. Un riconoscimento del valore e del ruolo dei docenti di cui si sente particolare bisogno per superare le difficoltà di questi ultimi tempi. Riteniamo che le scuole debbano tornare ad essere quei luoghi dove accendere il futuro del nostro paese, facendo crescere giovani entusiasti e curiosi della vita, desiderosi di conoscenza e approfondimento. Una comunità educante più motivata e giustamente riconosciuta sono elementi strategici di crescita e sviluppo per tutta la società”. 

La Cisl Scuola del Lazio avanza nel numero dei consensi ricevuti, il che, date le dimensioni della scuola regionale, non mancherà di influenzare positivamente il dato nazionale e la rappresentatività dell’organizzazione, che è già la prima per numero degli iscritti del comparto Scuola.La Cisl Scuola si conferma la prima sigla sindacale del settore a Latina, Viterbo e Frosinone, cresce ancora a Rieti, collocandosi ad una manciata di voti dalla seconda, ed è seconda a Roma, laddove lo scrutinio procede con più lentezza, per l’alto numero delle scuole, ma, tuttavia, sono ormai pervenuti i dati relativi a ben oltre la metà dei collegi.  

Il risultato della nostra sigla -si legge in una nota della Cisl del Lazio- si inserisce in un quadro complessivamente positivo per le organizzazioni confederali, a conferma che le scelte effettuate in merito alla firma del CCNL sono state comprese e condivise dalla categoria, la quale non ha premiato chi ha giocato alla delegittimazione delle sigle che si sono assunte la responsabilità di non mandare disperse le risorse economiche disponibili sin da subito, senza con ciò rinunciare ad una tutela più incisiva per il periodo contrattuale che inizia dal prossimo 1° gennaio 2019. Un atteggiamento ben diverso rispetto a quello di chi ha atteso il 19 aprile, giorno di chiusura delle urne, per annunciare una possibile firma “tecnica” del contratto scuola, con un tempismo che comprova, una volta di più, la funzione meramente strumentale delle scelte effettuate al tavolo contrattuale da parte di qualche organizzazione di comparto.

Vai al sito della Cisl Lazio

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa