Manifestazione nazionale
PRIMO MAGGIO 2018


PRATO, Piazza del Duomo



primo maggio Prato,1° Maggio 2018 - "Basta! Non si puo' e non si deve morire di lavoro. Dobbiamo fermare questo bollettino di guerra che continua a portare tragedie e lutti terribili in troppe famiglie come purtroppo è accaduto anche qui a Prato in passato". Apre così la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan il suo intervento dal palco di Piazza del Duomo a Prato dove, dopo il corteo partito alle 10,00 da Piazza Mercatale, si sono altenati i comizi conclusivi dei tre segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo

Sicurezza: il cuore del lavoro' lo slogan della tradizionale Festa dei Lavoratori  e Prato è stata scelta da Cgil, Cisl, Uil come città simbolo di una importante realtà industriale dove il tema della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro è fortemente sentito. Cgil, Cisl e Uil hanno voluto così lanciare “un segnale forte e inequivocabile alla politica, al mondo delle imprese e delle istituzioni nazionali e locali, alla scuola e al sistema pubblico, nel cambiare rotta e passo e per contribuire a porre, quale principio intangibile, la centralità della persona nel lavoro”. Hashtag ufficiale della manifestazione di Prato: #1Maggio2018

"Grazie per aver accolto oggi tante lavoratrici e tanti lavoratori venute da altre regioni d'Italia qui in Toscana in questa terra bellissima e operosa" a lanciare "con forza ed unità" questo appello - ha  proseguito la leader della Cisl nel suo intervento. "E' un appello forte che oggi si leva da tutte le piazze italiane. Dal Nord, al Centro, al Sud. Un appello alle imprese che devono fare di piu' negli investimenti per la sicurezza, la prevenzione degli incidenti, il rispetto della legge e degli accordi con il sindacato sulla tutela della salute dei lavoratori e delle lavoratrici. Ma e' anche un appello forte alle istituzioni, agli enti pubblici, alle regioni e a tutti quelli che hanno delle responsabilita' e che devono vigilare di più e meglio nei cantieri, nelle fabbriche, nei trasporti, nei servizi, in tutti i luoghi dove anche un piccolo errore può mettere a rischio la vita". 

 E cita  il numero impressionante di morti bianche: "Tredicimila morti sul lavoro negli ultimi 10 anni sono il tributo che abbiamo pagato e che non vogliamo pagare piu'. E' una ferita per tutto il Paese che non puo' piu' essere tollerata. Basta, non si può morire di lavoro. L'Italia deve ripartire dal lavoro e dalla sicurezza. La salute e la sicurezza sono un diritto per tutti".  Ha posto quindi l'accento sulla necessità di "aumentare l'occupazione, a partire dai giovani, e di recuperare i tanti posti di lavoro perduti a causa della crisi. Ecco perché oggi il nostro pensiero va a coloro che lottano per difendere il proprio posto di lavoro", ha detto citando alcuni tra i numerosi casi di crisi aziendale da Embraco ad Auchan, da Almaviva all'Ilva.

 "Siamo con i lavoratori di Amazon, di Foodora e di altre aziende che sono sottopagati e senza alcuna tutela, che sfrecciano per le strade ai ritmi serrati imposti dai computer che assegnano le mansioni e controllano le prestazioni"- ha aggiundo parlando anche di gig economy. "Non ci piace questo modello di sviluppo, dove c'è tanto sfruttamento, dumping nei contratti, rischi per la salute, negazione dei diritti umani essenziali e della dignità stessa della persona. La globalizzazione non regolata  ha generato una competizione delle imprese che, per ottenere maggiori profitti, tagliano anche sulla salute e la sicurezza, sulla pelle di tanti lavoratori soprattutto su quelli che svolgono lavori meno qualificati. Assistiamo a nuove forme di sfruttamento e di schiavitu' che credevamo di aver sconfitto e superato per sempre. La globalizzazione invece puo' essere, se ben governata, una grande, una nuova opportunita' di sviluppo per il Paese e per i Paesi di tutto il mondo. Non dobbiamo ne' subire ne' negare la globalizzazione, non dobbiamo lasciarla all'egemonia dei poteri finanziari ed economici internazionali, i grandi interessi senza regole che sfruttano il lavoro". 

Ma "per la sicurezza e la salute e non solo per questo c'é tanto bisogno di sindacato confederale nel nostro Paese" ha sottolineato Furlan. Il sistema va cambiato con norme legislative chiare, con le giuste garanzie della contrattazione tra azienda e sindacati, con più partecipazione, protagonismo dei lavoratori nelle scelte delle aziende questo è quello che vogliamo". 

   cimitero marcognanoLa Segretaria generale della Cisl  all'inizio del suo intervento ha tenuto a ricordare la visita dei tre Segretari confederali questa mattina al cimitero monumentale di Marcognano situato a Torano, frazione del comune di Carrara, lungo il passo delle Alpi Apuane, dove è stata deposta una corona al monumento ai caduti sul lavoro per ricordare la tragedia avvenuta alla cava marmifera dei “Bettogli” il 19 luglio del 1911, in cui persero la vita dieci lavoratori. "Un momento molto toccante e di profonda commozione per tutti" - ha detto. "Lì sono sepolti, tanti, troppi lavoratori che hanno pagato con la loro vita e il loro sacrificio la speranza di avere luoghi di lavoro più sicuri, più dignitosi, più rispettosi della vita delle persone".

"Il lavoro è il principio fondamentale su cui si fonda la nostra Repubblica, ma, soprattutto, la sicurezza e la tutela della salute nei luoghi di lavoro sono la condizione essenziale in una società civile e sviluppata" ha aggiunto  Furlan. Concetto ribadito anche in un suo editoriale pubblicato su 'Il Dubbio', e 'Il Quotidiano nazionale' . "Di fronte all'aumento degli incidenti mortali sul lavoro che quotidianamente portano tragedie e lutti nelle famiglie italiane non si può parlare di fatalità. "È evidente  - ha detto - che le imprese grandi e piccole sono chiamate oggi ad un ruolo di grande responsabilità. Devono investire in nuovi macchinari più sicuri, rendere i luoghi di lavoro sempre meno vulnerabili agli incidenti. Ma anche il sindacato deve fare di più: denunciare gli appalti al ribasso, l’eccesso di esternalizzazioni, pretendere il rispetto integrale di tutte le norme sulla sicurezza. C’è bisogno di vincoli seri, garanzie salde, di discutere sui carichi eccessivi di lavoro e di straordinari. Bisogna contrattare il lavoro festivo e domenicale in tutti i settori, eliminare o ridurre al minimo i rischi per la salute. È anche un problema culturale, di rispetto per la dignità del lavoro che va difeso in questa società sempre più globalizzata ed individualista, come spesso ci ricorda papa Francesco".

"La sicurezza nei luoghi di lavoro è un "non tema"  nel dibattito pubblico, politico e istituzionale. Se ne discute solo nelle formali note di cordoglio, dopo l’ennesima 'morte bianca'" ha fatto notare nei giorni scorsi la Segretaria generale della Cisl in un suo editoriale pubblicato su il quotidiano 'Avvenire' ribadendo la necessità di "mettere al centro i problemi del Paese, non gli interessi di partito" di "rafforzare il dialogo sociale, assumendo il tema del lavoro e della sua sicurezza come la 'questione nazionale' su cui si misurare la reale e concreta volontà e attenzione della politica ai problemi dei cittadini e dei più deboli. Sarà l’appello che il Primo Maggio i lavoratori e il sindacato, da Prato e da tutte le altre piazze italiane, rivolgeranno alle istituzioni" ha sottolineato. 

"Qui, dal nostro Sud, a Carfizzi, luogo di lotte contadine contro lo sfruttamento e il caporalato, vogliamo lanciare un messaggio forte a tutte le istituzioni e alla politica" ha detto dalla sua Luigi Sbarra, Segretario Generale Aggiunto Cisl, intervenuto in comizio questa mattina a Carfizzi, in provincia di Crotone, per la celebrazione del Primo Maggio. "La sicurezza nei luoghi di lavoro impone una svolta, un’azione decisa e coordinata con le articolazioni della società per dare risposte a un’emergenza nazionale che presenta ancora al Mezzogiorno le ferite più dolorose. Il sindacato – ha aggiunto Sbarra - deve essere maggiormente coinvolto in una strategia ben declinata sui territori. Servono più ispezioni, e più ispettori. Ma soprattutto ci vuole la capacità da parte delle istituzioni di orientare i controlli in maniera più mirata e intelligente. Per questo la cooperazione con il mondo del lavoro è determinante”. “Il Mezzogiorno – ha sottolineato ancora Sbarra - può diventare la più rilevante opportunità di rilancio per l’economia italiana ed europea, ma per il momento rappresenta la più grande occasione persa. Dobbiamo partire dalla più strategica delle risorse: il capitale umano. Il lavoro dignitoso è la colonna su cui si regge lo sviluppo e la precondizione essenziale per prosciugare il bisogno di cui si nutre il cancro della criminalità organizzata. Ognuno deve fare la sua parte. I leader di partito guardino bene le bandiere unite del sindacato. E si rendano conto che la politica ha molto da imparare da questa società e dal nostro Sud”. 
"Troppe vittime e disoccupazione, la politica deve svegliarsi" ha sottolineato Sbarra anche dalle pagine de 'Il Quotidiano Nazionale'. "Una interminabile scia di sangue che nel 2018 ha già portato oltre 160 morti. Una piaga cui aggiungere la conta dei casi non censiti e la lunga lista degli infortuni, dei ferimenti, delle malattie professionali. E oggi il sindacato confederale scende in piazza per dire basta a questa vergogna, per imporre un'agenda alla politica ed alle istituzioni, per mettere in chiaro un concetto: che la sicurezza sul lavoro è questione nazionale, una grande emergenza da cui dipende la credibilità delle nostre istituzioni e la tenuta dei nostri valori costituzionali". -

 

 Roma, 1° Maggio 2018 - "E' partita alle 15,00 la lunga maratona musicale che ha animato una piazza San Giovanni gremita di giovani giunti a Roma da ogni parte del paese per il consueto ‘Concertone’ promosso da Cgil, Cisl e Uil e organizzato da iCompany, la società che cura il Concerto del Primo Maggio, per la Festa dei lavoratori. 

L'edizione del 2018 ha puntato i suoi riflettori sulla nuova musica italiana: il pomeriggio è stato una vetrina per i giovani artisti che, con nuove idee, coraggio e qualità, stanno cambiando i connotati all’attuale scena nazionale; la serata è stata animata da artisti già affermati e noti al pubblico nazional-popolare, artisti che pur nel successo ottenuto, hanno saputo mantenere coerenza e qualità nel corso della loro carriera. Ricco come ogni anno il cast di artisti. 

L'evento condotto da Ambra Angiolini e Lodo Guenzi.è stato trasmesso come sempre in diretta Tv da Rai 3 e in diretta radio da Rai Radio 2 . (Il programma su www.primomaggio.net/)

E a tale proposito un "grazie per la sensibilità che continua a manifestare nei confronti dei problemi del mondo del lavoro" che sono stati al centro del Primo Maggio, è stato rivolto alla Rai nei giorni scorsi dalla Segretaria Confederale della Cisl, Giovanna Ventura nel corso della Conferenza stampa di presentazione del Concertone di Piazza San Giovanni. "Il tema della sicurezza merita l'attenzione del servizio pubblico, dei giornali e degli altri mass media" ha detto ricordando che "con il messaggio lanciato attraverso il manifesto del Primo Maggio la Cisl ha voluto sottolineare che la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro sono il cuore stesso del lavoro: il lavoro senza sicurezza, infatti, è privo di vera dignità.  Il tema della sicurezza  - ha proseguito Ventura - sarà centrale anche nel Concerto di piazza San Giovanni. Dal palco del concertone a Roma saranno lanciati quest'anno messaggi importanti e testimonianze, così come al mattino a Prato, i Segretari generali di Cgil, Cisl, Uil, parleranno in maniera approfondita di questi temi.  Bisogna creare nuove campagne di attenzione e di sensibilizzazione" - ha aggiunto la Segretaria organizzativa. "Occorre una forte sensibilizzazione e responsabilità per costruire una cultura nazionale della sicurezza in ogni luogo di lavoro, da promuovere attraverso controlli ed appalti verificati da parte delle istituzioni, la responsabilità delle imprese, i sindacati con i delegati nei luoghi di lavoro. Sarà importante la manifestazione che faremo la mattina a Prato unitariamente, ma sarà altrettanto importante il Concerto di San Giovanni, perchè sono i giovani che devono per primi responsabilizarsi ed acquisire la cultura della propria sicurezza nel lavoro. Il veicolo della musica è importante perchè i giovani oltre al divertimento avranno l'occasione di riflettere su se stessi e sul l’importanza della sicurezza nel loro futuro". "Troppo spesso quando accadono incidenti mortali sul lavoro- ha concluso Ventura- si parla di fatalità. Ma spesso la causa è il disinteresse e la disattenzione verso le attività delle lavoratrci e dei lavoratori".

Anche quest'anno si sono esibiti sul palco di Piazza San Giovanni i tre finalisti  scelti, dopo una prima selezione di 150 artisti, tra gli oltre 1000 iscritti al Contest 1M NEXT 2018.  In una ulteriore selezione il 6 aprile scorso, sono stati scelti gli  artisti convocati per partecipare alle esibizioni dal vivo che si  sono svolte a Roma, il 19, 20 e 22 aprile 2018 presso il Felt Music Club (via degli Ausoni, 84) e durante le quali è stata sempre presente una Giuria di qualità che ha avuto il compito di scegliere i 3 artisti emergenti arrivati in finale: Erio (Livorno), Zuin (Milano) e La Municipàl (Lecce) quest'ultimo gruppo proclamato, durante il concerto, vincitore assoluto di 1M NEXT 2018. 

La Municipàl, (fratello e sorella, Carmine e Isabella Tundo) nasce nel 2013 dopo numerosi progetti precedenti che vedono Carmine pubblicare un album con Sugar Music- Romeus, partecipare a Sanremo Giovani nel 2010 e vincere Musicultura nel 2011. In qualità di vincitore assoluto, Il gruppo avrà la possibilità di ricevere i premi di SIAE, Nuovo Imaie, Altoparlante e MEI con l’obiettivo di rendere l’esibizione in Piazza San Giovanni un vero punto di partenza per un percorso di crescita e visibilità.

Ma i tre vincitori di 1M NEXT 2018 non sono stati i soli artisti emergenti ad avere l’opportunità di suonare in una delle piazze musicali più importanti d’Italia. Scelto tra i Vincitori dell’ultima edizione di Area Sanremo (concorso partner di 1M NEXT fin dal 2016) si esibirà al Concerto del Primo Maggio 2018 anche Diego Esposito, talentuoso cantautore toscano di origini partenopee.
Dal contest dell’app iLiveMusic, invece, è stato selezionato il cantautore romagnolo Braschi che, assieme a Giorgio Baldari (trionfatore del contest musicale per la Sicurezza Stradale #buonmotivo) si esibirà sul palco del Concertone 2018.
Arrivano invece dal contest Europeo gli INDIGO FACE, band alternative-pop londinese che ha trionfato alla finale di 1MEurope 2018 che si è svolta ieri sera al Cargo2 di Londra.

Questi i protagonisti (in ordine alfabetico) della Giuria di Qualità, i cui voti - insieme a quelli ottenuti tramite le votazioni web - hanno decretato le band che parteciperanno alle finali live a Roma:

Massimo Bonelli (organizzatore Concerto Primo Maggio)
Max Bucci (direttore artistico Rock in Roma)
Massimo Cotto (autore, scrittore, giornalista, speaker Virgin Radio) – PRESIDENTE DI GIURIA
Mattia Marzi (giornalista per Rockol)
Diletta Parlangeli (giornalista per Il Fatto Quotidiano, La Stampa.it e Wired Italia. Ha condotto Kudos.)
Marta Venturini (autrice, compositrice, arrangiatrice e produttrice artistica.)

I vincitori assoluti delle precedenti 3 edizioni del contest 1M NEXT: i La Rua (2015), Il Geometra Mangoni (2016) e Incomprensibile FC (2017).

I nomi dei 150 artisti emergenti selezionati tra gli oltre 1000 iscritti al Contest 2018:

ADDIO PROUST! - ADRIANO DI BENEDETTO – AGNELLO – AGOSTA - ALEX SODINI – ALTERIA - AM-OK – AMANDLA – ARCOBASSO - ARIA SU MARTE – BACÀN – BACIAMOLEMANI – BARRIGA – BBROTHERS - BIAGIO ACCARDI - BLACK SNAKE MOAN – BOHDI – BOMBAY - BRAM STALKER – BUTIJAH - C'ESCO E I MUSICANTI DI BRAHMA - CANTIERE 164 – CARBOIDRATI - CARLO BOLACCHI – CARTABIANCA – CESCO - CHIARA RAGNINI – CICCIUZZI – CIGNO - CLAUDIO CERA - CLAUDIO CIRILLO – DAEV - DANIELE ISOLA - DARIO GRECO - DAVIDE PAGNINI – DIATOMEA - DINASTIA E GLI ULTIMI – DIRAQ - DOMENICO IMPERATO - DOMO EMIGRANTES – DONBRUNO - EDO ELIA – EFFENBERG - ELEPHANT CLAPS - ELEVIOLE? - ELLA GODA – EMENÉL - ERICA SALVETTI – ERIO - ETA CARINAE - ETRUSCHI FROM LAKOTA - FABIO BISCEGLIE - FABIO IPPOLITI – FASER - FEDERICO FABI – FLAC - FRANCO E LA REPUBBLICA DEI MOSTRI – FRIZ - GALIL3O - GERARDO TANGO - GIANFRANCESCO CATALDO – GIANVITO DI MARSICO - GIULIANO CRUPI – GIUVAZZA - GRAN TORINO – HAZAN - I GIARDINI DI CHERNOBYL - I MATTI DELLE GIUNCAIE - IL PALPITO DELL'UNO - IL PARADISO DI HOLDEN - JOE INTENSO - KAFKA SUI PATTINI – KARMASONICA - LA BOTTEGA DEL COMPENSATO - LA CANAGLIA - LA GABBIA - LA MUNICIPÀL - LA SCATOLA BLU - LA SORTE - LE STANZE DI FEDERICO - LE TENDENZE - LEONARDO ANGELUCCI – LEVACANZE - LO STRANIERO - LORENZO DI DEO - LUCI ROSSE SENZA PORNO - LUCIA DE LUCA - MAFFEI! – MALEIZAPPA - MANUEL FINOTTI - MARCELLO GRADUATO - MARCO GRECO - MARIA DEVIGILI - MATTEO SICA - MAY GRAY – MESS - MICHELE DIEMMI – MISGA – MODI – MOONLOVERZ – MOOSTROO - NEON MA – NITROPHOSKA – NITRUS – NOVI – OCROPOIZ – ORKESTRINA - OSSO DI SEPPIA – PALLOTTA - PARK AVENUE – PAXARMATA – PELIGRO - PSYCODRUMMERS – PURE - QUEI DUO + QUELLA – RANISS – REFILLA – RENANERA - RICCARDO INGE - RICCARDO MAZZON – RIPTIDERS - ROBERTA GIALLO – ROSAFANTE - SABÙ ALAIMO – SALAMONE - SAMUEL PIETRASANTA - SANTO & SMITH - SIMONE COSTANZO - SIMPLE MOOD – SPACCAILSILENZIO - STAIN – SUPERCANIFRADICIADESPIAREDOSI – SUVARI - TIZIO BONONCINI – TNL - TRE TERZI - TWO LEGS BAD – TYMBRO – UMMO – UNÒRSOMINÒRE - VALERIO-PORROVECCHIO – VANESIA – VERAMADRE - VINCENZO SAMMARTINO - VIOLET ANATOMY - YATO – YOUKUS – ZAGREB - ZEBRA FINK – ZUIN.

1M NEXT è sostenuto da SIAE e NUOVO IMAIE e realizzato in partnership con Rockol e Doc Live.

Per saperne di più:
www.primomaggio.net/1mnext
 Il programma su www.primomaggio.net/

FINALISTI DEL CONTEST 1M NEXT 2018

Erio 1mnext2018

ERIO

Da Livorno

Leggi di più  

Municipal 1mnext2018

LA MUNICIPÀL


Vincitore Contest

Da Lecce

Leggi di più  

Zuin 1mnext2018

ZUIN

Da Milano

Leggi di più  

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa