Intestazione XVIII Congresso Confederale "Per la persona, per il lavoro" è lo slogan scelto dalla Cisl per il suo XVIII Congresso il cui lungo percorso, avviato a novembre in tutta Italia con i 1062 congressi delle federazioni territoriali di categoria, si concluderà a Roma al Palazzo dei Congressi dell’Eur con la quattro giorni del Congresso confederale dal 28 giugno al 1° luglio. 63 congressi delle Unioni territoriali, 400 congressi delle federazioni di categoria regionali, 19 congressi delle Unioni regionali e 19 congressi delle federazioni nazionali hanno accompagnato il lungo e capillare percorso democratico con l’obiettivo di rinnovare il gruppo dirigente a tutti i livelli e rafforzare la scelta originaria del radicamento della CISL nei posti di lavoro e nel territorio.

FIT CISL - Occupazione e lotta alle disuguaglianze restano gli obiettivi principali del sindacato

18814033 831220823696314 9009419503431738184 nRoma, 1 Giugno 2017 – I 423 delegati giunti da tutta Italia per eleggere Consiglio generale e Segreteria all'XI Congresso nazionale della Fit-Cisl svoltosi a Chia, in Sardegna dal 29 maggio al 1° Giugno, hanno riconfermato Antonio Piras alla guida dell'organizzazione per i prossimi quattro anni. A completare la segreteria, Pasquale Paniccia, Salvatore Pellecchia ed Emiliano Fiorentino.

"Con più trasporto verso il futuro" lo slogan dell'appuntamento cui si è giunti dopo un percorso iniziato il 13 dicembre nei posti di lavoro, nei territori e nelle regioni che ha coinvolto decine di migliaia di lavoratrici e lavoratori.
Un parterre di rilievo quello del Congresso a cui ha partecipato anche la Segretaria generale della Cisl Annamaria Furlan.

"È stato un bellissimo Congresso, democratico e partecipato. La Fit è coesa" ha sottolineato Antonio Piras nel suo intervento tracciando le lineee guida per l'impegno futuro dell'organizzazione: "L'occupazione e la lotta alle disuguaglianze restano gli obiettivi principali del sindacato" ha detto. Ed alla luce dei dati sul pil la cui crescita è ancora insufficiente, Piras ha sottolineato come la crescita del paese passi necessariamente da un' Europa più forte e da investimenti mirati, a partire dal settore strategico dei trasporti. Nel fare poi un bilancio dei passati quattro anni, il Segretario Fit ha posto l'accento su quello che è stato l'impegno della federazione per gli iscritti ed i lavoratori ricordando anche i numerosi rinnovi dei contratti collettivi nazionali e contratti aziendali ma non solo: "Basta ricordare - ha detto - il raggiungimento delle intese che hanno previsto l'adesione collettiva ai fondi di previdenza complementare che troviamo puntualmente nei contratti nazionali recentemente sottoscritti. Conquiste significative che stimolano la nostra riflessione  - ha osservato - a meglio definire i meccanismi di accorpamento degli stessi fondi per rendere più elevata e sicura la loro redditività".  Ha poi parlato della situazione dei fondi del settore ed illustrandone il buono stato di salute ha detto come "da un lato i fondi, grazie anche ad un aggiornamento delle norme" debbano "poter investire di più nell'economia reale italiana, sempre tutelando il denaro degli iscritti". 

"Il Congresso è un momento democratico, di condivisione di idee, che dà senso a tutto quello che facciamo" ha esordito  la Segretaria generale della Cisl Annamaria Furlan intervenuta a tutto tondo sui principali nodi del momento con un  occhio attento a lavoro e contrattazione."I nazionalismi ed i populismi sono nemici del mondo del lavoro. È la contrattazione che porta risultati positivi sia nelle aziende pubbliche che in quelle private. La Cisl darà battaglia in tutti i settori" ha detto  intervenendo anche sulla delicata vertenza Alitalia. "La vicenda è stata la cartina di tornasole del populismo interno ed esterno all'impresa" ha commentato osservando come "nonostante la pre-intesa sindacale siglata e l'impegno dell'azienda e del Governo a ridurre gli esuberi" la vertenza sia stata gestita dimostrando poca competenza ed irresponsabilità. "L''esito del referendum  - ha detto - è stato il commissariamento di Alitalia, frutto di questo populismo disfattista, con un processo mediatico che è stato fatto per alcuni giorni nei confronti del sindacato. Ma dopo tre giorni gli opinionisti ed i populisti sono spariti mentre noi stiamo sempre sul pezzo, siamo ogni giorno con i lavoratori e ci confronteremo con i commissari e con il Governo sapendo - ha concluso la leader della Cisl - che non è detto che una azienda commissariata venga svenduta o fatta a pezzetti ma anzi può essere rilanciata nei mercati".

Per approfondimenti  consulta il sito web della Fit Cisl

 

 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.