Intestazione XVIII Congresso Confederale "Per la persona, per il lavoro" è lo slogan scelto dalla Cisl per il suo XVIII Congresso il cui lungo percorso, avviato a novembre in tutta Italia con i 1062 congressi delle federazioni territoriali di categoria, si concluderà a Roma al Palazzo dei Congressi dell’Eur con la quattro giorni del Congresso confederale dal 28 giugno al 1° luglio. 63 congressi delle Unioni territoriali, 400 congressi delle federazioni di categoria regionali, 19 congressi delle Unioni regionali e 19 congressi delle federazioni nazionali hanno accompagnato il lungo e capillare percorso democratico con l’obiettivo di rinnovare il gruppo dirigente a tutti i livelli e rafforzare la scelta originaria del radicamento della CISL nei posti di lavoro e nel territorio.

CISL SICILIA - "La Sicilia è importante e strategica per tutto il Paese"

Congresso Cisl Sicilia 6Palermo, 6 maggio 2017. Si è svolto il 4 e 5 maggio al San Paolo Palace Hotel di Palermo il Congresso della Cisl Sicilia con la riconferma di Mimmo Milazzo come Segretario generale dell’Unione regionale.

Nella due giorni congressuale il dibattito, davanti a 280 delegati, si è articolato intorno al tema “Il lavoro, le persone, la comunità in cerca di futuro”. La Cisl Sicilia arriva all’appuntamento congressuale con una platea di 305 mila 958 associati alle 19 federazioni di categoria e Mimmo Milazzo, nella sua relazione di apertura del XII Congresso regionale, ha sottolineato come la Sicilia, che tra qualche mese torna a voterà per le Politiche regionali, sia “sempre più spaccata tra ricchi e poveri”. “All’Isola – ha detto - servirebbero 400 mila nuovi posti di lavoro nel giro di qualche anno. E servirebbero più investimenti e meno burocrazia. Ma la politica ha ben altre priorità. Tanto più ora, sotto elezioni”. Milazzo ha poi snocciolato i dati sul Pil regionale, i livelli reddituali delle famiglie siciliane, delineando un quadro molto difficile. “La Sicilia – ha continuato Milazzo riferendosi al Governo regionale siciliano – ha bisogno di una rivoluzione vera, non parolaia. Di una strategia della corresponsabilità che abbia al centro i temi dello sviluppo e della coesione sociale e che alzi un argine contro l’improvvisazione e l’approssimazione che troppo spesso, in questi anni, hanno caratterizzato l’azione dell’esecutivo regionale”. Presente anche la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, secondo cui “la Sicilia ha bisogno di interventi strutturali che facciano ripartire l'economia reale mettendo al centro il tema del lavoro" . Per Furlan, “aspetto cruciale che deve essere affrontato è il futuro dei giovani laureati che dal Sud vanno all'estero. Il Paese esce dalla crisi solo se lo fa da Palermo a Trento. Questa regione ne ha contati addirittura 75mila in fuga: questo significa perdere il futuro”. Delineando una sorta di ‘ricetta’ per il rilancio della Sicilia, Annamaria Furlan ribadisce non soltanto “la necessità di "interventi per le infrastrutture materiali e immateriali, che sono fondamentali", ma denuncia anche "il dramma di una classe dirigente a volte incapace nel gestire i fondi comunitari. Il loro utilizzo è fondamentale per la crescita, lo sviluppo e per la coesione sociale".

Per un resoconto completo consulta anche il sito della Cisl Sicilia

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.