Intestazione XVIII Congresso Confederale "Per la persona, per il lavoro" è lo slogan scelto dalla Cisl per il suo XVIII Congresso il cui lungo percorso, avviato a novembre in tutta Italia con i 1062 congressi delle federazioni territoriali di categoria, si concluderà a Roma al Palazzo dei Congressi dell’Eur con la quattro giorni del Congresso confederale dal 28 giugno al 1° luglio. 63 congressi delle Unioni territoriali, 400 congressi delle federazioni di categoria regionali, 19 congressi delle Unioni regionali e 19 congressi delle federazioni nazionali hanno accompagnato il lungo e capillare percorso democratico con l’obiettivo di rinnovare il gruppo dirigente a tutti i livelli e rafforzare la scelta originaria del radicamento della CISL nei posti di lavoro e nel territorio.

CISL FRIULI VENEZIA GIULIA. Il congresso della "regionalizzazione"

friuli11 maggio 2017. Il Friuli Venezia Giulia al banco di prova: strutture più snelle e vicine ai luoghi di lavoro e alle persone. Quanto agli altri temi affrontati durante il Congresso, grande rilevanza è stata data ai giovani e alle loro difficoltà di trovare lavoro; alle politiche attive del lavoro, sgravi fiscali per chi assume giovani e donne laureate, più investimenti in ricerca ed innovazione ed un rapporto forte tra scuola e imprese. 

Eletto Alberto Monticco, nuovo segretario della Cisl Friuli Venezia Giulia. Che  raccoglie un’importante eredità: quella di traghettare la Cisl nel percorso di regionalizzazione ormai avviato con lo scioglimento delle unioni territoriali e la costituzione di un’unica struttura a livello regionale. Giovanna Ventura, nel suo intervento, si è soffermata su alcune questioni salienti, a partire dalla situazione internazionale. “Guardiamo con estrema preoccupazione - ha detto - a quanto sta accadendo nel mondo, alle guerre, a chi oggi detiene il potere come il Presidente Donald Trump. Dobbiamo domandarci quale futuro ci attende e come intervenire in modo tempestivo”. Netto il passaggio su Alitalia: “E’ una vicenda che dimostra una vera e propria assenza di regole che favorisce quei sindacati autonomi che non si sa chi rappresentano. In questo Paese abbiamo bisogno di responsabilità da parte di tutti: da parte del sindacato ma anche degli imprenditori e delle classi dirigenti. La responsabilità è la parole d’ordine”.

E sulla regionalizzazione della Cisl Friuli Venezia Giulia, che arriva a compimento con il Congresso regionale,Ventura ha messo in risalto che “l’elezione di questa nuova squadra rappresenterà tutte le ex Ust nella segreteria e sarà in grado di assicurare il prezioso contributo delle diverse culture ed esperienze di tutti i territori. La Segreteria guidata da Monticco, con l’apporto del segretario aggiunto Pellizzon, porterà a sintesi le esperienze acquisite nella precedente organizzazione delle Unioni”.
“La regionalizzazione è un passaggio importante e necessario – ha aggiunto Ventura -così come lo è stato per Marche e Umbria, tenuto conto delle caratteristiche del territorio regionale e della composizione degli associati e associate. La funzionalità sarà garantita dalla nuova segreteria che agirà da cabina di regia per elaborazioni, proposte e strategie per le politiche regionali e per le attività delle nuove AST. Infatti, la prima linea, il lavoro dei delegati, la presenza capillare sui posti di lavoro devono essere ancora di più valorizzate perché il sindacato si fa tra la gente e le nostre sedi devono essere, anche attraverso i nostri servizi, il punto di riferimento dei pensionati, dei lavoratori, delle lavoratrici, dei disoccupati, di tutti i cittadini”.

Per un resoconto completo dei lavori congressuali vista il sito della Cisl Friuli Venezia Giulia

 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.